Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Parrocchia va a fuoco, i carabinieri salvano due suore

  • a
  • a
  • a

Due suore sono state salvate da un incendio. La sera della vigilia di Capodanno i militari della stazione carabinieri di Monza avvertono un insolito odore di bruciato provenire dalla parrocchia di fronte. Notate le fiamme che divampavano da uno degli alloggi contermini al luogo di culto, i carabinieri hanno contattato il parrocco, apprendendo come vi fossero due suore rimaste intrappolate da fiamme e fumo intente ad arrampicarsi sul tetto per guadagnarsi la fuga.

I militari sono entrati immediatamente nella palazzina e, mentre uno, raggiunte le consorelle, le ha scortate all’esterno dell'edificio, l'altro carabiniere ha verificato, facendo ingresso in ogni camera, che non fosse rimasto più nessuno in trappola. L’intervento successivo del 118 ha consentito di prestare le prime cure alle due consorelle, che fortunatamente non ho hanno riportato alcuna lesione e poco dopo i Vigili del Fuoco di Monza, il cui intervento è stato richiesto dalla centrale operativa dei carabinieri, sono riusciti a domare le fiamme.

A Napoli e provincia, invece, due incendi si sono sviluppati nella notte. Verso l’una i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli sono intervenuti nel quartiere Mercato a via padre Ludovico da Casoria 73 per un rogo in un appartamento al quarto piano. Sul posto anche i vigili del fuoco che hanno domato le fiamme. L’incendio ha interessato una sola stanza. Nell’appartamento un uomo del ’55 rimasto incolume e visitato dal personale sanitario. Dai primi accertamenti pare che le cause dell’incendio siano dovute a un fuoco pirotecnico entrato all’interno della stanza da una finestra lasciata aperta. L’appartamento è stato dichiarato inagibile. Altro intervento dei carabinieri a San Giorgio a Cremano, poco dopo la mezzanotte, per un incendio a via Tufarelli 25. Le fiamme hanno completamente distrutto il gazebo di un ristorante. Sul posto i vigili del fuoco. L’incendio ha provocato l’annerimento dello stabile sovrastante danneggiando la parte esterna dell’appartamento al primo piano e le inferriate del balcone. Nessun danno strutturale per il palazzo che è agibile.