Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Muore per un malore a 47 anni. Era uscita dall'ospedale per passare il Natale con la famiglia

  • a
  • a
  • a

Aveva 47 anni e due figli. Era una parrucchiera molto stimata e benvoluta. E' morta dopo essere uscita dall'ospedale. Aveva chiesto lei stessa di poter trascorrere il Natale con la sua famiglia, ma durante le feste ha accusato forti mal di testa e vomito, come poi hanno spiegato i parenti, ed è deceduta nella sua abitazione la sera del 27 dicembre. In ospedale era stata ricoverata proprio per i forti mal di testa. La tac e la risonanza avevano evidenziato vecchie ischemie. Adesso sarà l'autopsia, effettuata all'ospedale San Salvatore de L'Aquila, a stabilire le cause del decesso di Monica Piccinini, parrucchiera 47enne di Santa Restituta, una frazione del piccolo comune di San Vincenzo Valle Roveto (provincia de L'Aquila) che da tempo si era trasferita ad Avezzano.

La 47enne, infatti, lavorava proprio ad Avezzano. Lascia due figli, un maschio e una ragazza, entrambi adolescenti. Da anni la donna coltivava il sogno di dar vita ad un proprio salone e recentemente si era recata in una associazione per il commercio, la Confesercenti, proprio per far partire la sua nuova attività. Come scrive Il Mattino, la donna era molto conosciuta in Valle Roveto e soprattutto nella città di Avezzano. Collaborava infatti con numerose parrucchieri della zona.

Profondo dolore nella piccola comunità di Santa Restituita, oltre, ovviamente, che per la sua famiglia, fortemente provata. Il sindaco di San Vincenzo Valle Roveto, Carlo Rossi, che la conosceva bene, ha espresso sentite parole di cordoglio. Numerosi sono stati i messaggi sui social da parte degli amici che l'hanno definita una donna "solare, sempre sorridente e disponibile". Dolore è stato espresso anche da parte dei Runners di Avezzano. Nel gruppo, infatti, c'è anche il fratello della sfortunata parrucchiera, Luca. La salma è stata restituita ai familiari e i funerali saranno celebrati il 31 dicembre nella chiesa di San Rocco, ad Avezzano.  La Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila ha aperto un’indagine interna per far luce sulla morte della donna.