Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Suicidio, il questore Gianni Triolo si spara nel suo ufficio. Lascia moglie e figlio. L'addio nei bigliettini

  • a
  • a
  • a

Si è tolto la vita nel suo ufficio. Si è sparato con la pistola di ordinanza. E' morto così Gianni Triolo, questore di Biella. Aveva 60 anni. Sono stati i suoi colleghi a dare l'allarme dopo che è stato trovato il cadavere senza vita. Avrebbe lasciato alcuni biglietti, ovviamente massimo riserbo da parte degli inquirenti. Al momento non sono noti i motivi che l'hanno spinto al gesto estremo. Gianni Triolo era originario di Pescara ed era entrato in polizia nel 1987, dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza.

Fino al 1991 è stato in servizio nel Reparto Mobile di Torino, come dirigente dell'ufficio del personale. In seguito è stato nominato capo di gabinetto della Questura di La Spezia. La sua carriera è stata intensa e tra l'altro ricca di soddisfazioni. Aveva diretto la Divisione Anticrimine della Questura di Massa Carrara, poi era tornato a La Spezia con lo stesso ruolo, fino a diventare vicario del Questore, incarico ricoperto anche a Pisa. Era quindi arrivata la promozione a dirigente superiore e per alcuni mesi aveva anche operato nell'Ufficio Centrale Ispettivo del Dipartimento della Pubblica Sicurezza in qualità di Ispettore Generale. Nel 2020 era stato nominato Questore di Biella

Sgomento nella città piemontese. Incredulo il sindaco Claudio Corradino: "Era una persona splendida, non ho parole". E ancora: "Sono particolarmente colpito dall’accaduto, due giorni fa era seduto accanto a me al Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica, non mi capacito. Dal suo arrivo nella società biellese si era fatto benvolere da tutti, era una persona con cui si collaborava benissimo”. Cordoglio e vicinanza ai familiari del questore, sono stati espressi anche da Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera e coordinatore del comitato per la sicurezza del Movimento 5 Stelle. "E' una occasione che ci deve far riflettere sulla necessità di un costante supporto psicologico agli operatori del comparto sicurezza". Messaggi di cordoglio parte di tutte le istituzioni. Gianni Triolo lascia moglie e figlio.