Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quattro regioni verso la zona gialla: Veneto, Liguria, Marche e provincia di Trento. Il Friuli rischia l'arancione

  • a
  • a
  • a

Sono diverse le regioni che stanno per cambiare colore in relazione all'emergenza Covid 19. L'Italia sarà "divisa" in occasione delle festività di Natale. Purtroppo la situazione sta peggiorando e lo sta facendo viaggiando con due velocità diverse. Le regioni del sud sono ancora da zona bianca e non dovrebbero esserci grandi cambiamenti nelle prossime due settimane. Al nord la situazione è peggiore: i contagi aumentano così come i ricoveri nei reparti Covid e nelle terapie intensive. Per quattro territori le prime limitazioni scatteranno già dalla giornata di lunedì 20 dicembre. Si tratta di Veneto, Liguria, Marche e provincia di Trento che diventeranno gialle. 

Ma ormai iniziano a essere a forte rischio anche altri territori. Sono considerati in bilico Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna. La Lombardia ha superato già due parametri, per ora tiene solo perché regge la percentuale dei posti letto occupati nelle terapie intensive, che non supera il 10% (è all'8.9), quindi è ancora sotto la soglia critica. Situazione opposta per il Lazio, dove il dato relativo alle terapie intensive è arrivato al 9.6%, mentre nell'area medica i ricoveri rappresentano il 12.1%. E' bene ricordare che in fascia gialla si entra se i casi settimanali superano i cinquanta ogni 110mila abitanti, se l'occupazione dei letti in terapia intensiva è oltre il 10% e quella in area medica sopra il 15. Si entra in zona arancione, invece, quando i casi sono tra 150 e 250 (sempre ogni 100mila abitanti), i letti di terapia intensiva occupati oltre il 20% e quelli di area medica oltre il 30%.

Il Friuli Venezia Giulia rischia il passaggio in zona arancione. I casi settimanali sono 378 ogni 100 mila abitanti e i ricoveri ospedalieri hanno superato il 23.3% in area medica e il 14.3% in terapia intensiva. In questa fase è la regione con i numeri peggiori. L'ordinanza per il passaggio in zona gialla di Veneto, Liguria, Marche e provincia di Trento dovrebbe essere firmata oggi, venerdì 17 dicembre, dal ministro per la salute Roberto Speranza. Nei territori in zona gialla è obbligatorio l'uso delle mascherine anche all'aperto.