Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guido Russo, braccio finto per evitare il vaccino: ecco chi è il dentista furbetto no vax. Rischia la radiazione

  • a
  • a
  • a

Si chiama Guido Russo, ha 57 anni ed è di Biella il dentista che si è presentato alla vaccinazione anti Covid con il braccio in silicone. E' un no vax convinto e non poteva più lavorare perché era stato sospeso dall'Ordine dei medici. Per ottenere il certificato verde senza farsi iniettare il vaccino, ha cercato di beffare gli operatori del punto vaccinale, il sistema e tutti gli italiani che invece hanno aderito alla campagna vaccinale. Una vera e propria truffa che è stata scoperta, gli è costata una denuncia e che ora potrebbe pagare con la radiazione dall'ordine. 

Si è sempre vantato di essere un no vax al punto che nel suo studio, a Biella in viale Roma, aveva esposto un cartello: "La presentazione del green pass è esclusivamente volontaria". In pratica utilizzava la questione privacy ma non era contrario soltanto al certificato, bensì all'inoculazione del vaccino che ne ha fatto l'unico medico di Biella sospeso dall'ordine proprio per aver rifiutato l'inoculazione. Per questo ha pensato al trucco del braccio in silicone per aggirare l'ostacolo e poter tornare al lavoro.

Il braccio è stato acquistato su Amazon e pare che lo stesso Guido Russo abbia annunciato il suo tentativo sui social con un post del 24 novembre, ora rimosso, scritto da tale Giuseppe Maria Natale (profilo in cirillico). Nel messaggio si leggeva: "Ma se vado con questo se ne accorgono? Magari sotto sto busto metto pure qualche altro indumento per evitare di far arrivare l'ago al braccio vero". Un annuncio su Twitter in cui campeggiava il link del prodotto di Amazon: busto in silicone per fingere di avere una notevole muscolatura. Quasi un costume da carnevale. Ma la truffa non è riuscita a Guido Russo, scoperto dall'infermiera. Lui ha provato anche a impietosirla con una battuta: "Non vorrà mica che abbia tutti questi pettorali". Le ha chiesto di "chiudere un occhio", ma Filippa Bua si è immediatamente rivolta al medico di turno e ha firmato con lui il verbale allegato alla denuncia.