Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Italia contagi in aumento per la sesta settimana consecutiva. La rima per le feste: "A Natale tavolata solo con la parentela vaccinata"

  • a
  • a
  • a

I contagi da Covid purtroppo continuano ad aumentare anche in Italia. Per la sesta settimana consecutiva crescono i nuovi casi, con un aumento del 25,1%. È quanto emerge dal monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, relativo alla settimana dal 24 al 30 novembre 2021, rispetto alla precedente. I nuovi casi sono stati 86.412 contro 69.060. "Da sei settimane consecutive – dice Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – continuano ad aumentare a livello nazionale i nuovi casi settimanali con una media mobile a 7 giorni più che quintuplicata: da 2.456 il 15 ottobre a 12.345 il 30 novembre". L’aumentata circolazione virale è documentata dall’incremento sia del rapporto tra positivi e persone testate (da 3,6% a 17,1%), sia dal rapporto tra positivi e tamponi molecolari (da 2,4% a 7,2%) e che de quello tra positivi e tamponi antigenici rapidi (da 0,07% a 0,38%).

"Da sei settimane i casi crescono, ma fortunatamente l'impatto sui ricoveri in area medica non ha confronto rispetto all'epoca pre-vaccinale - spiega Cartabellotta - C'è però una crescita lenta e costante, in alcune regioni ci potrebbe esser qualche altro cambio colore entro fine anno". Dichiarazioni rilasciate durante il programma radio Un giorno da pecora. "Dal 13 dicembre - ha aggiunto - qualcuno si avvicinerà al cambio di colore ma non ci sarà per alcuno. Forse ci si avvicinano la Calabria e il Lazio ma non al punto di diventare gialle". Dopodiché "dal 20 potrebbe esserci qualche altra regione gialla".

Cartabellotta spiega anche che a Natale vanno evitati "grandi assembramenti familiari, utilizzando la mascherina in casa e areando le stanze". A suo avviso, inoltre, devono essere evitati pranzi e cene con parenti non vaccinati:  "Io - ha spiegato - farei fatica a farli entrare a casa. Volendo fare una rima, direi a Natale si fa la tavolata solo se la parentela è vaccinata".