Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'Arena, Pasquale Bacco il medico no vax che urlava fate l'amore, rinnega le posizioni anti Covid: "Ho sbagliato. L'ho capito visitando terapie intensive"

  • a
  • a
  • a

Da medico eretico no vax ad assoluto sostenitore del vaccino. Chiede perdono, invita ad aderire alla campagna, si scusa con i medici e tutto il mondo della sanità che aveva duramente attaccato dai palchi delle manifestazioni no vax. E' Pasquale Bacco, dottore, ex negazionista del virus, ora disposto a chiedere scusa davanti alle telecamere. Lo fa mettendoci la faccia durante la puntata di Non è l'Arena di mercoledì 1 dicembre, tra l'altro sostenendo di aver rinunciato a molti soldi visto che quella posizione estremista gli aveva procurato centinaia di clienti. Si ritrova a rinnegare se stesso e le teorie anti Covid che aveva sostenuto e lo fa dopo aver visitato diversi reparti di terapia intensiva, rendendosi conto che il Covid tutto è tranne che una invenzione, un complotto, una fantasia. Già il 24 novembre dal suo profilo Facebook aveva ammesso di essersi sbagliato, ma le parole pronunciate durante il programma condotto da Massimo Giletti su La7 hanno un effetto ben più forte e diretto.

Giletti ha rimandato in onda i suoi interventi durante le iniziative no vax quando urlava "questo virus si cura. Stasera abbracciatevi, fate l'amore, è l'unico modo per uscirne". Oppure quando attaccava frontalmente persino Papa Francesco. Ora le sue dichiarazioni sono opposte, di ben altro tenore: "Sono pentito di quelle parole e non le pronuncerei più. Ho fatto due errori. Il primo, abbastanza grave, è stato quello di non essermi mai fermato prima di parlare. E poi perché fino a qualche mese fa non avevo capito, e anche questo è un grave errore, il peso che quelle parole potevano avere nelle persone. Nei più deboli e nei giovani. Non mi sono ammalato e sono stato fortunato, visto che sostenevo che i nostri erano Covid party. Fui anche il primo a dire che le bare di Bergamo era vuote: un altro grave errore che giustificavo dicendo che era una provocazione".

Giletti gli ha chiesto per quale motivo si è pentito e convertito. Cosa dovrebbe fare la dottoressa Nunzia Schilirò, vice questore di Roma, no vax convinta, che sta superando il Covid di cui si è contagiata come il marito, ma continua a difendere le sue posizioni? "Schilirò - ha dichiarato Bacco - si convertirebbe se iniziasse oggi a girare nelle terapie intensive". E ancora: "Io per un periodo mi sono scordato di essere un medico. Basta con la lotta tra vax e no vax. E' arrivato il momento della pacificazione". Luca Telese si è alzato e gli ha stretto pubblicamente la mano.