Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Daspo di tre anni per il tifoso che ha molestato la giornalista Greta Beccaglia. E' indagato per violenza sessuale | Video

  • a
  • a
  • a

Subito un Daspo di tre anni per il tifoso che ha molestato la giornalista Greta Beccaglia. Il provvedimento è stato preso dalla Questura di Firenze che allontana così il 45enne della provincia di Ancona da tutti gli eventi per quasi 1.100 giorni. Il tifoso è stato inchiodato dalle immagini. E' stato filmato proprio mentre allungava le mani sulla giornalista di Toscana tv.  Al termine del derby di campionato Empoli-Fiorentina, durante il collegamento con lo studio dallo stadio Castellani, l'uomo è passato accanto alla 27 enne e le ha toccato il lato B. La procura di Firenze ha aperto un fascicolo per chiarire quanto accaduto: l'ipotesi di reato è molestie e violenza sessuale.

Greta Beccaglia, già nella giornata di ieri, lunedì 29 novembre, era stata in questura, a Firenze, per denunciare formalmente l'episodio di molestie di cui era stata vittima il sabato precedente. Un passaggio necessario per procedere contro il responsabile dell'accaduto, tifoso della Fiorentina. Il 45enne anconetano intanto pagherà quello schiaffo sul sedere con il Daspo, ma ovviamente procederanno anche le indagini e al 45enne non basteranno le scuse formalizzate pubblicamente per evitare un procedimento dal punto di vista legale. 

L'Ordine dei giornalisti della Toscana sarà al fianco di Greta Beccaglia in una probabile battaglia legale: "Siamo pronti a costituirci parte civile, insieme agli altri organismi di categoria, e a mettere a disposizione di Greta l'assistenza di cui avrà bisogno - ha annunciato il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Toscana, Giampaolo Marchini - Mi auguro che episodi del genere non si ripetano più in quanto qualsiasi tipo di violenza nei confronti di colleghe e colleghi giornalisti sono intollerabili". Anche l'Associazione Stampa Toscana e il Gruppo Toscano giornalisti sportivi - Ussi, sono pronti a costituirsi parte civile se sarà avviato un procedimento a carico del responsabile della molestia, ai limiti della violenza.