Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, in arrivo l'ok per i bambini dai 5 agli 11 anni. Palù: "I miei nipoti lo faranno". Speranza: "Ho già parlato ai miei figli"

  • a
  • a
  • a

Nel giro di pochi giorni anche Aifa darà l'ok per la somministrazione del vaccino anti Covid ai bambini tra i 5 e gli 11 anni. Con tutta probabilità l'autorizzazione arriverà la prossima settimana. E' stato Giorgio Palù, presidente dell'Agenzia Italiana del Farmaco, a confermarlo in tv, durante la trasmissione Mezz'ora in più, su Rai 3. “Tra lunedì e venerdì, entro comunque la prossima settimana, arriverà l’autorizzazione: quella di Ema (che ha già dato l'ok, ndr) è una garanzia”. E ancora: “non ci dovrebbero essere problemi burocratici”. Palù ha inoltre spiegato che farà vaccinare i suoi nipotini "per una serie di motivi. Con la variante Delta, infatti, è cambiato il volto della malattia e anche i bambini ora rischiano di più, questo virus è più contagioso e li può infettare: i dati Iss ci dicono che il 30% della fascia 5-11 anni ha una delle incidenze più alte”. Ha inoltre spiegato che “uno ogni 2mila viene ricoverato con un’infezione grave da rianimazione”.

Anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, si è esposto in maniera netta sulla vaccinazione dei più piccoli: "In Italia seguiremo le indicazioni delle autorità scientifiche”. Pure lui ha dichiarato senza mezzi termini che “non avrò dubbi a vaccinare i miei figli. Ho parlato con loro che sanno bene che il virus è il nemico più grande”, ha aggiunto. Speranza ha inoltre rivolto un appello alle famiglie italiane con bimbi: “Parlate con i vostri pediatri, abbiamo pediatri tra i migliori al mondo”.

Le voci scientifiche più autorevoli al mondo, continuano a spiegare che la vaccinazione dei bambini è fondamentale per cercare di arginare la diffusione del Covid. I piccoli purtroppo sono una ricca fonte di trasmissione e mentre inizialmente si sosteneva che non loro non correvano alcun rischio in caso di infezione, le nuove varianti hanno cambiato il volto del virus e ora anche i piccoli rischiano gravi conseguenze. A Sky TG24 il coordinatore del Cts Franco Locatelli. ha spiegato che se l'Aifa si pronuncerà questa settimana sui vaccini per bambini, "le prime somministrazioni ci saranno a partire dal 23 dicembre perché per quella data saranno disponibili le formulazioni pediatriche".