Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, dopo sei mesi la protezione scende dal 72 al 40%. Ma rimane alta l'efficacia contro i casi gravi. Altissimi rischi per i no vax

  • a
  • a
  • a

Il vaccino anti Covid dopo sei mesi vede quasi dimezzata la sua capacità di protezione. L'efficacia scende dal 72 per cento fino al 40 per ciò che concerne la prevenzione di qualsiasi diagnosi sintomatica o asintomatica di Covid 19 rispetto ai non vaccinati. Resta però molto alta l'efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa: per i vaccinati da meno di sei mesi la protezione è al 91 per cento rispetto ai no vax, mentre per chi ha superato il sesto mese scende solo di dieci punti e si attesta all'81. Sono i dati contenuti dal report dell'Istituto Superiore della Sanità che integra il monitoraggio settimanale effettuato sulla pandemia nel nostro Paese.

L'Iss spiega che continua a restare alto il livello di protezione da parte del vaccino contro la malattia grave. E lo racconta con numeri e percentuali: nell'ultimo mese il tasso di terapie intensive nei non vaccinati in Italia è a 6,7 per centomila, mentre nei vaccinati da meno di sei mesi è a 0,54 per centomila, ossia 12 volte più basso. Fondamentale, dunque, effettuare la vaccinazione e molto importante rispettare i termini della terza dose. Alla scadenza dei cinque mesi dalla seconda iniezione, deve essere eseguita la terza.

Ma il vaccino è efficace anche contro la nuova variante Omicron? Occorreranno diversi giorni ai ricercatori per dare una risposta attendibile a questa domanda che si stanno facendo tutti coloro che hanno convintamente aderito alla campagna vaccinale, considerata l'unica vera arma per cercare di combattere un virus che continua a mietere vittime in tutto il mondo. Il ministro della salute Roberto Speranza ha sottolineato per l'ennesima volta che è fondamentale vaccinarsi. Un concetto ormai ribadito da tutti gli esperti. Intanto iniziano a vedersi i primi effetti del super green pass. Nelle ultime 24 ore sono tornati ad aumentare gli italiani che si sono lasciati somministrare la prima dose del siero.