Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Italia l'incidenza sale ancora e sfiora quota 100. Rt stabile a 1.21. Tutti i dati del monitoraggio settimanale

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Come tutti i venerdì bilancio della settimana dal punto di vista della diffusione del Covid nel nostro Paese. L'incidenza settimanale a livello nazionale in Italia continua ad aumentare. Adesso sono 98 contagi ogni 100mila abitanti (settimana dal 12 novembre al 18), contro 78 per 100mila della settimana precedente. Nel periodo dal 27 ottobre al 9 novembre l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato invece pari a 1,21 (range 1,14 - 1,26), stabile rispetto al periodo precedente e al di sopra della soglia epidemica.

I dati come al solito sono stati comunicati dall'Istituto superiore di sanità che evidenzia il monitoraggio della Cabina di regia. Ad aumentare in maniera decisa è il numero di nuovi casi che non sono associati a catene di trasmissione: 15.773 contro 11.001 della settimana precedente. La percentuale dei casi che sono stati rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile e resta inchiodata al 34 per cento. È invece in diminuzione la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi, la percentuale scende di tre punti e dal 48 per cento si attesta al 45. Aumenta invece la percentuale dei casi che vengono diagnosticati attraverso l'attività di screening: il 21 per cento contro il 18.

Dunque dati che in parte fanno alzare ancora di più la guardia e in parte inviano un segnale incoraggiante. Di certo c'è che nella prossima settimana il governo metterà mano a nuovi mano alle misure di contenimento. E' ormai scontato che la durata del green pass venga diminuita, passando dai dodici mesi attuali almeno a nove. Così come è considerato scontato che venga resa obbligatoria la terza dose di vaccino per i medici e tutti gli operatori del mondo della sanità. Per il momento difficile che vengano rese più stringenti le regole nei confronti dei cittadini che non hanno scelto di vaccinarsi.