Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fa coming out con i genitori: "Amo una donna". Loro le fanno un agguato all'uscita dal lavoro e lei li denuncia

  • a
  • a
  • a

Brutto episodio di violenze in famiglia a Pesaro. Una ragazza è stata aggredita dai genitori, che hanno organizzato un vero e proprio agguato, e picchiata perché lesbica. Questo quanto riportato da Il Resto del Carlino, la giovane sarebbe stata salvata dall’addetto di un hotel. Tutto è nato quando la povera vittima ha confessato ai genitori di amare un’altra donna e loro, padre musulmano, madre pesarese, hanno reagito molto male fino ad arrivare a tenderle un agguato all’uscita dal lavoro.

 

 

L'episodio è accaduto sabato 6 novembre, alle 14, in viale Fiume. La fidanzata aspettava la ragazza in auto, mentre la 20enne stava salendo, è spuntato il padre e l’ha afferrata per i capelli, tirata via e schiaffeggiata. La madre intanto le urlava contro. Ad assistere all’aggressione un dipendente dell’hotel, che ha raccontato al quotidiano: “La ragazza aveva preso gli schiaffi, piangeva, era agitata, sembrava sul punto di esplodere. Io ho notato la scena e sono andato verso di lei. Si è divincolata, mi ha detto che era stata schiaffeggiata dal padre e che anche la madre le rendeva la vita impossibile perché non accettavano il suo essere lesbica. A quel punto, l’ho portata con me in hotel e ho impedito ai genitori di seguirla. Mi sono preoccupato anche della ragazza bloccata in macchina, dicendole di scendere e di venire in hotel”, le parole al quotidiano. Inutili i tentativi di dialogo con l’intermediazione dell’uomo, alla fine sono venuti a prendere le ragazze alcuni amici.

 

 

La ragazza è poi tornata a ringraziare il portiere, gli ha detto di essere andata via da casa e di avere denunciato i genitori. Ma, secondo quanto riferito sempre da Il Resto del Carlino, la denuncia è partita anche dai genitori, per la scomparsa della figlia. La procura avrebbe però aperto un fascicolo d’indagine per maltrattamenti: la giovane avrebbe riferito di comportamenti violenti dei genitori, ancor prima che dicesse loro di essere lesbica.