Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giovani in vacanza a Varsavia picchiati a sangue, tre in ospedale: per il più grave frattura all'orbita oculare

  • a
  • a
  • a

Vacanza da incubo per sette ragazzi italiani, presi alle spalle, aggrediti e picchiati a sangue in Polonia. Il gruppo di giovani, tutti sui vent’anni, si trovava a Varsavia: l’aggressione si è verificata fuori da una discoteca alle 4 di notte tra venerdì 29 e sabato 30 ottobre. I ragazzi vivono tutti a Scandicci, comune dell’area metropolitana fiorentina. L’aggressione, come riportato da La Nazione, è stata di una violenza inaudita: i picchiatori indossavano delle noccoliere e hanno picchiato per lasciare segni profondi.

 

 

Tre ragazzi italiani sono finiti in ospedale dopo l’aggressione. Il più grave ha fratture a uno zigomo e a un’orbita oculare, oltre che a un piede: dovrà essere operato. Un secondo ragazzo è in osservazione per una possibile emorragia interna all’addome dopo aver ricevuto calci in pancia, il terzo giovane di Scandicci ha riportato ferite più lievi e dopo una nottata in ospedale è stato dimesso. In base a una prima ricostruzione della polizia polacca, i sette italiani sarebbero finiti al centro di uno scambio di persone.

 

 

La gang che li ha malmenati era uscita a caccia di un altro gruppo di nostri connazionali, non è chiaro per quale motivo volessero fargliela pagare. Ma le indagini sono in corso, a Varsavia gli agenti hanno interrogato più volte i ventenni ricoverati in ospedale e i loro amici. La comitiva era partita da Scandicci giovedì scorso per andare a trovare due amici che stanno studiando in Polonia per l’Erasmus. "Mio figlio - ha raccontato Beatrice, la mamma di uno dei giovani ricoverati - era la prima volta che prendeva l’aereo per un viaggio. I ragazzi sono molto legati. Sono cresciuti insieme, noi genitori ci conosciamo e ci frequentiamo. E' una situazione davvero difficile, assurda". I genitori del giovane che dovrà subire l’intervento chirurgico sono già partiti per Varsavia, i familiari degli altri sono in contatto con l’ambasciata.