Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Vita in Diretta, morte Laura Ziliani: la nuova pista del testamento olografo

  • a
  • a
  • a

Laura Ziliani morta a causa di un testamento. La nuova pista del delitto della donna, scomparsa lo scorso 8 maggio in Val Camonica e ritrovata morta tre mesi dopo, è stata svelata nella puntata de La Vita in Diretta - oggi 22 ottobre 2021 - il programma condotto da Alberto Matano da lunedì al venerdì su Rai1. Del delitto sono accusate le due figlie, con la complicità del fidanzato di una di loro. 

 

 

Un testamento olografo pare possa essere il motivo dell'uccisione della donna: l’ex vigilessa potrebbe aver deciso di lasciare il testamento alla figlia ritenuta più fragile per tutelarla. Infatti sembra molto sospetta la conversazione tra Mirto e Paola, riportata nell'ordinanza, dove parlano di qualcosa “da cercare”, senza mai menzionarla: “Come è andato il tuo lavoretto. Hai guardato bene in tutti i file e cartelle? Anche negli armadi?” le parole del ragazzo. “Potrebbe essere un testamento o una comunicazione dove Laura disponeva dei suoi beni” ha affermato Roberta Bruzzone. Pare che nessuno avesse una chiara idea del patrimonio di Laura: “In pochi sapevano quanto valesse il patrimonio della famiglia Ziliani. Sapevano che avesse molti appartamenti, ma non il numero specifico” ha affermato l’inviata.

 

 

Intervistato anche il medico delle due sorelle, che afferma con certezza che non fossero affette da psicosi: “Il ricovero potrebbe essere una strategia difensiva, per farsi considerare incapaci di intendere e volere. Mai prescritti farmaci di tipo psicotico a queste ragazze” ha affermato. Altre novità sul caso potrebbero emergere nella puntata di Quarto Grado, altra trasmissione che approfondisce i casi di cronaca nera e in onda su Rete4, in cui la morte di Laura Ziliani è tra gli argomenti centrali.