Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Vita in Diretta, le villette dei Casamonica: "Anfore, capitelli, leoni e Ferrari, valgono almeno due milioni di euro"

  • a
  • a
  • a

La Vita in Diretta, la trasmissione di appronfondimento dei fatti di attualità in onda nel pomeriggio di Rai, ha portato le sue telecamere nei luoghi in cui stamani, oggi venerdì 22 ottobre 2021, ci sono stati gli sgomberi degli immobili riconducibili ai Casamonica. Le immagini fanno vedere "l'iconografia della famiglia Casamonica: anfore, capitelli e l'immancabile leone" spiega l'inviata. Che aggiunge: "Il valore di queste due villette di oltre 3mila metri quadrati coperti è di almeno 2 milioni di euro. Ora andranno ai Carabinieri come simbolo di legalità".

 

 

Gli immobili di via Caldopiano, nella zona di Centroni a Roma, sgomberati dai carabinieri, erano stati confiscati a Gelsomina Di Silvio, ex convivente di Ferruccio Casamonica, detta Silvana, e dei suoi tre figli Raffaele, Christian e Katiuscia Casamonica. Il complesso residenziale di via Caldopiano, insieme ad altro patrimonio di rilevante entità (tra cui diverse Ferrari), era stato oggetto sia di richiesta di misure di prevenzione nel 2003 sia di sequestro e successiva confisca nell’ambito di un procedimento penale della Procura di Roma, per i reati di usura e altri previsti dal testo unico delle Leggi Bancarie.

 

 

La confisca è stata disposta con una sentenza della Corte di Appello di Roma II Sezione Penale del 16 dicembre 2015 a carico di Gelsomina Di Silvio, detenuta dal 21 novembre 2018 per un cumulo pene di 5 anni, 11 mesi e 6 giorni di reclusione per simulazione di reato, circonvenzione di incapace, usura e furto. La stessa, durante la detenzione, era stata destinataria dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 9 aprile 2019 dal Tribunale di Roma, nell’ambito dell’indagine 'Gramigna' dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, in relazione alle accuse di estorsione aggravata dal metodo mafioso e usura, per cui è stata condannata a 11 anni, un mese e 10 giorni in I grado, il 20 settembre 2021, dalla I sezione Penale del Tribunale di Roma.