Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Facchinetti a McGregor: "Non ritiro la denuncia neanche per 10 milioni. Ho mal di testa tutto il giorno"

  • a
  • a
  • a

Fa ancora discutere la vicenda che ha visto coinvolti Francesco Facchinetti (suo malgrado) e Conor McGregor. "Se dovesse chiamarmi l’avvocato di McGregor e offrirmi 10 milioni di euro, 10 milioni di euro, 10 santissimi milioni di euro per ritirare la denuncia e per ritirare tutto, io direi di no", ha detto Francesco Facchinetti a Radio 105 parlando dell’aggressione subìta la notte di sabato da parte del fighter di Arti Marziali Miste (Mma) Conor McGregor. "Non mi interessa nulla dei soldi - ha sottolineato il conduttore televisivo - non mi interessa nulla dell’hype, anche perché ho mal di testa tutto il giorno, devo portare questo collarino 8 ore al giorno per 16 giorni, ho un trauma cranico, ho una distorsione alla rachide cervicale che non so neanche cosa voglia dire".

 

 

Facchinetti ha quindi proseguito: "Questa storia a me non fa piacere - ha spiegato il dj - se potessi avere la macchina di 'Back To The Future' tornerei indietro nel tempo e quel sabato, due giorni fa, non andrei lì. Questa cosa qua non mi fa piacere. Io porto avanti la denuncia e ne parlo perché non possa succedere ad altre persone. Quello è un uomo altamente pericoloso, vederlo davanti ai tuoi occhi è un altro conto rispetto a leggere di lui. E' dannatamente pericoloso per gli altri". 

 

 

L’episodio è avvenuto nel corso di una serata organizzata all’Hotel St. Regis a Roma appositamente per incontrare il campione. "Se è andata bene è un miracolo, le sue mani sono armi. Mi ha aggredito senza motivazione, poteva uccidermi", aveva dichiarato a caldo lo stesso Facchinetti. "Eravamo insieme, abbiamo parlato e ci siamo divertiti per due ore, poi dal nulla si è scagliato contro di me: sono vivo per miracolo, potevo morire", aveva ribadito il dj, preoccupato anche per le conseguenze che avrebbe potuto subire la moglie.