Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Travolta da un pancale in azienda, muore dopo 40 giorni in ospedale: indagato il titolare

  • a
  • a
  • a

Ancora una tragedia, una morte sul posto di lavoro. La procura di Firenze ha aperto un fascicolo d’inchiesta sulla morte di una donna di 58 anni, Tiziana Bruschi, deceduta martedì 12 ottobre all’ospedale di Careggi a seguito dei gravissimi traumi riportati in un incidente sul lavoro avvenuto il 2 settembre nell’azienda di Scandicci (Firenze) di cui era dipendente, una ditta che produce materie plastiche. La notizia è stata riportata dal quotidiano La Nazione.

 

 

Al momento risulta iscritto nel registro degli indagati, per l’ipotesi di reato di omicidio colposo, il titolare dell’azienda. Secondo le prime ricostruzioni, l’operaia sarebbe stata travolta nel magazzino della ditta da un pancale carico di merce, cadutole addosso da un’altezza di circa tre metri. Il sostituto procuratore Francesco Sottosanti ha disposto l’autopsia che è stata affidata al medico legale Beatrice De Fraia. "E' un dolore indicibile e invio il mio più sentito cordoglio, esprimendo sentimenti di vicinanza, alla famiglia di Tiziana Bruschi", ha sottolineato in un intervento il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani.

 

 

"Dall’inizio dell’anno - ha proseguito poi Giani - i caduti sul lavoro in Toscana sono già 26. E' uno stillicidio non più sopportabile, che ci fa fare un salto indietro di anni". "Alla ripartenza che tutti desideriamo - ha aggiunto il presidente - non può corrispondere un costo altissimo in vite umane. La pandemia ha ridisegnato le priorità su cui dobbiamo concentrare il nostro impegno e tra queste ci sono certamente il rispetto della dignità di lavoratrici e lavoratori, una forte e diffusa cultura della sicurezza, strumenti e risorse adeguate per prevenire incidenti e infortuni mortali sul lavoro".