Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, la guardia giurata piena di rimorsi: "Avrei potuto fermarla, ma fuggì con un gruppo di rom"

  • a
  • a
  • a

Un episodio che avrebbe potuto rappresentare una svolta al giallo su Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo e mai più ritrovata. Si tratta del caso di Felice Grieco, avvenuto 17 anni fa a Milano. Secondo il suo racconto, a Grieco gli avrebbero impedito di trattenere la bimba che poteva essere proprio Denise. 

 

 

L'ex guardia giurata è intervenuta a Morning News, la trasmissione di Canale5 andata in onda mercoledì 1 settembre. Grieco era appunto la guardia giurata che avvistò una bimba, somigliante a Denise sparita misteriosamente dalla Sicilia l'1 settembre 2004, insieme a una donna rom. Era il famoso video rilanciato anche da Chi l'ha visto? in cui la donna chiamava la piccola con un nome simile in modo inquietante a quello della Pipitone, Danas.

 

 

Il racconto di Grieco è quindi proseguito: "Chiamai subito le forze dell'ordine - ha ricordato sempre a Canale5 - dicendo che probabilmente di fronte a me c'era seduta Denise". In quella circostanza lo stesso Felice si trovava all'esterno della banca dove lavorava come guardia giurata quando vide la scena: un gruppo di nomadi con quella bimba.

 

 

"Tentai di trattenere il gruppo - ha sottolineato -, ma se ne resero conto e andarono via. Io non ero sicuro che quella bambina fosse Denise, chiesi autorizzazione alle forze dell'ordine di fermarla, ma mi fu negata". Insomma, una leggerezza, o forse un ordine nel pieno del rispetto delle regole. Forse sarebbe bastata una banale "scusa" e il giallo di Denise avrebbe potuto avere un altro finale. Oggi la guardia giurata è pieno di rimorsi: "Avrei potuto agire di testa mia - le sue parole a Morning News - ma poi avrei dovuto affrontare tutte le conseguenze". Secondo Piera Maggio, mamma di Denise, l'unica pista ancora in piedi dopo tutti questi anni è proprio quella del rapimento. Quel che è certo è che il mistero pare essere ancora lontano dall'essere risolto.