Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gallipoli, ubriaco alla guida uccide un ragazzo di 21 anni in vacanza: la rabbia di Dj Aniceto

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Tragedia a Gallipoli con un ragazzo morto e uno ferito con diverse fratture, travolti da un ubriaco al volante. E così dj Aniceto, uno dei dj italiani più impegnati nel sociale ed esperto di new generation, già membro della "consulta degli esperti ed operator" per il dipartimento governativo per le politiche antidroga a Palazzo Chigi, testimonial di una campagna sociale per la guida sicura denominata SeGuidiNonBere dell’Associazione Familiari e Vittime della Strada Afvs è intervenuto. La vittima è Matteo Cassola, modenese di 21 anni a Gallipoli per le vacanze.

 

 

"Questa vicenda mi ha molto colpito - ha affermato il dj - immagino lo strazio delle famiglie, a cui esprimo tutto il mio sincero cordoglio. Ogni qual volta una vita viene spezzata ammutolisco, in special modo, quando questo avviene per mezzo di un ubriaco al volante. Bisogna avere più rispetto della vita. Vorrei, in casi del genere, che ci avvicinassimo al sistema americano dove per incidenti del genere si fanno più di 30 anni di carcere invece dei 5-9 anni di detenzione che al massimo si fanno in Italia. E bisogna fare presto. Da quando è iniziata la crisi da Covid tutte le risorse ed il pensiero politico si sono riversate sulla pandemia lasciando in un limbo illegale tutto il resto. Oggi esiste solo lo sballo a tutti i costi in ogni razza ceto luogo e situazione. E questo stato di cose va combattuto nel più breve tempo possibile anche con delle pene esemplari".

 

 

Dj Aniceto ha quindi fatto un appello alle istituzioni: "Chiedo uno sforzo maggiore perché bisogna combattere con durezza la leggerezza che hanno alcune persone, nel mettersi alla guida alterati da alcol o sostanze stupefacenti e incuranti del male che possono fare agli altri ed a se stessi. Punire duramente - ha concluso - è una sconfitta per la società ma laddove non arrivano l’educazione e l’etica deve per forza intervenire lo stato con pene esemplari e la scuola diffondendo cultura e rispetto per la vita".