Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Minibus precipitato a Capri, la compagna incinta dell'autista morto ha perso il bambino

  • a
  • a
  • a

A tragedia si è aggiunta tragedia. La compagna di Emanuele Melillo, il 33enne autista che ha perso la vita nell’incidente del minibus avvenuto a Capri lo scorso 22 luglio, ha perso il bimbo che aveva in grembo. L’aborto spontaneo è avvenuto al terzo mese di gravidanza. Troppo grande, evidentemente, il dolore per la morte del compagno: la donna, 30 anni, Rosaria il suo nome, che già da diversi giorni soffriva una condizione di stress, giovedì 29 luglio non si è sentita bene; venerdì 30 le è stata data la triste notizia.

 

 

Sempre nella giornata di oggi, nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Caserta), sono stati eseguiti gli esami sui reperti istologici prelevati dal corpo della vittima nel corso dell’autopsia, al fine di rilevare l’eventuale presenza di patologie che avrebbero potuto causare un malore, ipotesi che per il momento non ha trovato conferme dall’esame autoptico. Per l’esito degli esami si dovrà attendere alcuni giorni. 

 

 

Il bus di linea era precipitato per una decina di metri causando appunto un morto e 23 feriti. Un forte boato, poi lo shock di chi era a pochi metri dall’impatto. E' accaduto inell’area di Marina Grande, nei pressi dello stabilimento balneare Le Ondine mentre i bagnanti erano in spiaggia. A perdere la vita era stato l’autista Emanuele Melillo, 33 anni, di Napoli, sposato con Rosaria. Sono stati invece 23 i feriti registrati al pronto soccorso dell’ospedale Capilupi, ma l’impressione di tutti i testimoni è che poteva andare molto, molto peggio. I feriti hanno presentato politraumi a dinamica maggiore con fratture multiple dello scheletro in più distretti, sospette lesioni vascolari dei distretti toraco-addominali, policontusioni multiple, escoriazioni multiple, ferite lacero contuse multiple. Feriti tutti trasferiti a Napoli, all’Ospedale del Mare, ad eccezione di due pazienti pediatrici. Questo era stato il bilancio, poi fortunatamente, almeno per quanto riguarda i feriti, la situazione è andata migliorando giorno dopo giorno.