Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palamara, esposto contro Davigo e Gigliotti: "Hanno violato obbligo di astensione"

  • a
  • a
  • a

Palamara contro Davigo e Gigliotti. "Alla luce delle dichiarazioni rese in una intervista dal dottor Davigo pubblicata sabato 24 luglio dal Corriere della Sera, emerge che i verbali dell’avvocato Amara sulla Loggia Hungaria erano anche nella disponibilità di Fulvio Gigliotti, presidente del collegio della sezione disciplinare che ha rimosso il dottor Palamara dalla magistratura - si legge -. Le nuove e coraggiose dichiarazioni del dottor Davigo impongono ora di comprendere per quale motivo il dottor Gigliotti non si sia astenuto pur conoscendo quei verbali e abbia ugualmente partecipato alla espulsione di Palamara dalla magistratura".

 

 

"Per questo motivo depositeremo nei prossimi giorni un esposto alla Procura della Repubblica, per fare compiuta chiarezza su una vicenda che oramai presenta tratti oscuri e inquietanti. Ormai appare chiaro che non solo membri del collegio disciplinare ma il Csm tutto fosse a conoscenza di atti che ne hanno preventivamente influenzato il giudizio", così in una nota la difesa di Luca Palamara.

 

 

"Se la procedura da seguire non consente di mantenere il segreto, allora non si può seguire - ha affermato Davigo nell'intervista al Corriere della Sera di sabato 24 luglio -. Al Csm, nonostante le cautele adottate, vi era stata la dimostrazione pochi mesi prima sulla notizia dell’indagine perugina su Palamara. Nell’aprile 2020 Storari mi descrisse una situazione grave, e cioè che a quasi 4 mesi dalle dichiarazioni di Amara su un’associazione segreta i suoi capi non avevano ancora proceduto ad iscrizioni, che il codice invece richiede immediatamente. Per evitare possibili conseguenze disciplinari gli consigliai di mettere per iscritto. Pure se una Procura non crede a un dichiarante, non può sottrarre al controllo del gip la notizia di reato: deve iscriverla e poi chiede l’archiviazione. Storari mi diede file word del pc a supporto della memoria - ha dichiarato ancora Davigo. "Lana caprina? Lo può pensare chi trova rilevante il contenitore anziché il contenuto", ha aggiunto.