Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Corruzione, Luca Palamara rinviato a giudizio: contestate anche le vacanze a Dubai e Favignana

  • a
  • a
  • a

Luca Palamara è stato rinviato a giudizio per corruzione nell'ambito dell'inchiesta Caos procure. Il processo inizierà a Perugia il prossimo 15 novembre. Luca Palamara dunque va a processo. Per l’ex consigliere del Csm il gup di Perugia Piercarlo Frabotta ha disposto il rinvio a giudizio nel filone principale dell’inchiesta per corruzione. Insieme a Palamara andrà a giudizio per concorso nel reato di corruzione per l’esercizio delle funzioni anche Adele Attisani.

 

 

Il giudice dell’udienza preliminare ha accolto, inoltre, la richiesta di patteggiamento a un anno a sei mesi per l’imprenditore Fabrizio Centofanti, che a giugno ha reso dichiarazioni spontanee ai magistrati della procura di Perugia. Assolto in abbreviato l’ex procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio dall’accusa di rivelazione del segreto d’ufficio. Per un episodio con la formula perché il fatto non sussiste e per un altro per la tenuità del fatto. Per lui i pm avevano sollecitato una condanna a otto mesi.

 

 

I pm Gemma Miliani e Mario Formisano della procura di Perugia, guidata da Raffaele Cantone, dopo le dichiarazioni rese ai magistrati proprio da Centofanti avevano modificato, nelle scorse settimane il capo di imputazione contestando, tra le accuse, la corruzione in concorso per l’esercizio delle funzioni, e non più la corruzione in atti giudiziari. La decisione del giudice arriva a otto mesi dall’apertura dell’udienza preliminare che aveva preso il via il 25 novembre scorso. "In concorso tra loro, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, agendo Adele Attisani quale istigatrice delle condotte delittuose e beneficiaria, altresì ed in parte, delle utilità ricevute, Luca Palamara, prima quale sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Roma ed esponente di spicco dell’Associazione Nazionale magistrati fino al 24 settembre 2014, successivamente quale componente del Consiglio Superiore della Magistratura e magistrato fuori ruolo - si legge nel capo di imputazione - ricevevano da Fabrizio Centofanti le utilità per l’esercizio delle sue funzioni e dei suoi poteri". Nella contestazione si elencano diversi soggiorni di cui avrebbe usufruito l’ex consigliere del Csm, tra cui quello a Madonna di Campiglio, il viaggio a Madrid con il figlio, la vacanza a Favignana, a Dubai, oltre ai lavori eseguiti a casa della sua amica Adele Attisani. A Palamara, come si legge nell’atto di accusa, si contesta anche la rivelazione utilizzazione dei segreti d’ufficio.