Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, la lettera anonima e le accuse a Gaspare Ghaleb: ma non è indagato

  • a
  • a
  • a

Caso Denise Pipitone, oggi Gaspare Ghaleb è stato sentito come testimone assistito nella procura di Marsala. Ghaleb, infatti, fu condannato a due anni in primo grado per le dichiarazioni false allora fornite nell'ambito delle indagini sulla scomparsa della piccola Denise, avvenuta l'1 settembre 2004 a Mazara del Vallo.

 

La condanna fu però poi prescritta in appello e ora il tunisino è stato nuovamente ascoltato, per circa tre ore, dai magistrati. Nel corso di Chi l'ha visto? di oggi, mercoledì 7 luglio, il suo avvocato ha precisato come sulle dichiarazioni rilasciate ci sia il segreto istruttorio e che il suo assistito non è indagato. Ghaleb all'epoca disse che aveva avuto una breve relazione con Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise, eppure dai tabulati telefonici sono emersi 11.577 contatti tra i due, segno quindi di una relazione non proprio occasionale o fugace. Al tempo stesso non parlò delle due telefonate avute con Jessica lo stesso giorno del rapimento, di prima mattina, adducendo come motivo il fatto di non essersene ricordato. Eppure c'è una lettera anonima che lancia precise accuse nei suoi confronti, mostrata e letta nel corso della trasmissione di Rai 3.

 

Nel testo, scritto a stampatello e in maniera sgrammaticata, si accuserebbe Ghaleb di essere stato alla guida dell'auto scura su cui sarebbe stata caricata Denise. La lettera sarebbe stata redatta da un testimone che avrebbe visto l'auto passare quel giorno in via della Pace, sentendo la bimba gridare e chiamare la mamma, mentre una donna la teneva per i piedi sui sedili posteriori della vettura. La lettera, tuttavia, è stata decretata poco credibile da parte degli investigatori, che hanno considerato troppo vaghi alcuni particolari e non hanno creduto alla ricostruzione. Al momento in procura è stato anche sentito come testimone Francesco Lombardo, ex maresciallo dei carabinieri, mentre si sono chiuse le indagini sull'ex pm Angioni, che rischia di finire a processo.