Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lago di Garda, incidente mortale: arrestato il tedesco alla guida del motoscafo

  • a
  • a
  • a

Incidente mortale sul lago di Garda, arrestato il cittadino tedesco alla guida del motoscafo che ha colpito l'imbarcazione con a bordo Umberto Garzarella e Greta Nedrotti. L'uomo, Patrick Alexander Kassen, è stato prelevato dai carabinieri del nucleo investigativo di Brescia e del nucleo operativo della compagnia di Salò, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Brescia.

 

Kassen è stato prelevato nei pressi del confine di Stato, a Vipiteno, ed è rientrato nel territorio italiano accompagnato dal proprio difensore, per consegnarsi. L'uomo è stato quindi portato in carcere con l'accusa di duplice omicidio colposo dei giovani Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, avvenuto il 19 giugno a causa di un incidente nautico nelle acque del lago di Garda, a San Felice del Benaco, in provincia di Brescia. La Procura ha dapprima richiesto e ottenuto un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del conducente del motoscafo, il quale nel frattempo era rientrato in Germania. Per questo è stato richiesto un mandato di arresto europeo, attivando contestualmente la collaborazione di Eurojust e del servizio di cooperazione internazionale di polizia presso il ministero dell’Interno. Proprio oggi, peraltro, presso la Corte d’Appello di Monaco, era attesa la convalida del mandato di arresto europeo.

 

Gli investigatori fin dai primi istanti successivi al rinvenimento del cadavere di Umberto Garzarella hanno raccolto numerosi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato. In particolare, è stato documentato il conclamato stato di ubriachezza di Kassen. Infatti sono state raccolte diverse testimonianze, riscontrate peraltro da documentazione video e da certificazioni sanitarie, che non lasciano spazio a dubbi. La velocità del motoscafo al momento dell’impatto, inoltre, ricostruita tramite una simulazione notturna svolta in loco della guardia costiera, risulterebbe stimabile in circa 20 nodi, ben quattro volte superiore rispetto al limite di navigazione consentito.