Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise, "volevo portare la famiglia in Toscana". Tony Pipitone, il retroscena privato a Quarto Grado | Video

  • a
  • a
  • a

Quarto Grado, trasmissione di Retequattro, ha affrontato ancora il caso di Denise Pipitone. Il programma condotto da Gianluigi Nuzzi, ha mandato in onda venerdì 2 luglio anche un documento con le dichiarazioni di Tony Pipitone, ex marito di Piera Maggio, madre di Denise (il padre naturale è Pietro Pulizzi).

 

 

Tony ha cresciuto la bambina, scomparsa nel nulla da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. racconta che nel 1998 si è trasferito a lavorare in Toscana "in accordo con Piera" e che tornava in Sicilia "due o tre volte all'anno". Tony Pipitone dice che "il lavoro a Mazara era quello che era, sono partito perché volevo che la mia famiglia stesse bene, facevo il muratore e ogni mese mandavo dei vaglia a Piera e Kevin che all'epoca aveva 4 anni".

Piera e Tony avevano già un figlio, Kevin, "poi nell'ottobre del 2000 è arrivata Denise." Tony Pipitone ricorda che "alla notizia della nascita di Denise presi la macchina dalla Toscana e tornai in Sicilia per vederla; ricordo quel giorno e mi commuovo sempre di più: arrivai in ospedale che Denise era già nata". La lettera di Tony Pipitone è piena d'amore per Denise che considera sua figlia ("la scomparsa di mia figlia mi ha spezzato il cuore, devastato la vita"). Spiega come nel 2002 "decisi di ritirarmi in Sicilia e non partire più".

 

 

Poi rivela un retroscena di vita privata: "Nell'estate del 1999 (Denise quindi non era ancora nata ndr), chiesi a mia moglie di trasferirsi con me in Toscana dove lavoravo. Volevo portare la mia famiglia con me (Piera e Kevin) ma non ci sono riuscito. Volevo vivere come tutte le famiglie - dice Tony Pipitone - stare assieme. Piera non volle trasferirsi, mi disse che non voleva lasciare la sua casa".

GUARDA QUI IL DOCUMENTO DI TONY PIPITONE CON LA LETTERA A DENISE A QUARTO GRADO