Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Concorsi truccati alla Asl, arrestato segretario Pd di Latina Claudio Moscardelli

  • a
  • a
  • a

Concorsi truccati alla Asl, arrestato il segretario provinciale del Pd di Latina, Claudio Moscardelli. Il politico è finito agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sui concorsi truccati, indetti in forma aggregata da la Asl di Frosinone, Latina e Viterbo. Secondo le indagini, due candidati erano stati segnalati da un politico locale, il quale con lo stesso dirigente dell’Asl di Latina.

 

In cambio, il politico si era impegnato a promuovere, presso la Regione Lazio, la nomina del dirigente a direttore amministrativo della Asl, incarico che in effetti gli è stato conferito, quale facente funzioni, dal mese di dicembre 2020 al mese di aprile 2021. Le indagini hanno riguardato in particolare le irregolarità riscontrate nella procedura per il concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura a tempo indeterminato di 23 posti di collaboratore amministrativo professionale di categoria D. In particolare, lo scorso 21 maggio, il presidente ed il segretario della commissione per il concorso sono stati colpiti da un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari per i reati di falso e rivelazione di segreto d’ufficio.

 

E' infatti emerso che il presidente della commissione del concorso, nei giorni precedenti alla prova orale, aveva rivelato gli argomenti che sarebbero stati oggetto di esame. Sono stati poi identificati con certezza sei concorrenti, che hanno beneficiato di tali rivelazioni, ora indagati per abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio. Il dirigente Asl, in veste di presidente della commissione, ha rivelato ai candidati gli argomenti che avrebbe proposto alla prova orale e ha ritardato l’approvazione della graduatoria dello stesso concorso al fine di posticiparla rispetto alla sua nomina a direttore amministrativo, in modo tale da potere individuare lui stesso i luoghi di destinazione lavorativa dei neo assunti. Questa mattina, quindi, la polizia e la guardia di finanza hanno dato esecuzione ai mandati di custodia cautelare per il dirigente e il politico della città pontina.