Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Novellara, operaio morto schiacciato da un sacco di mangime

  • a
  • a
  • a

Incidente sul lavoro a Novellara, in provincia di Reggio Emilia: un operaio di 58 anni è morto schiacciato da un sacco di mangime all'interno dell'azienda in cui lavorava. Il tragico infortunio sul lavoro è avvenuto all’interno di un’azienda ubicata in via Ampere nella zona industriale del Comune di Novellara, da poco balzato agli onori delle cronache nazionali per il caso di Saman Abbas.

 

Nelle prime ore di questa mattina ha perso la vita un operaio 58enne di Reggiolo. Secondo una prima ricostruzione operata dai tecnici del servizio prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Ausl di Guastalla, intervenuti insieme ai carabinieri della stazione di Novellara l’uomo, per cause ancora da accertare, è rimasto investito e schiacciato da un sacco di mangimi da 12 quintali da un muletto. A trovare l’uomo sotto il sacco alcuni dipendenti dell’azienda che hanno quindi prestato i primi soccorsi richiedendo l’intervento dei sanitari inviati dal 118 che non potevano far altro che constatare il decesso. Sono subito scattate le indagini e gli accertamenti da parte dai tecnici del servizio prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Ausl di Guastalla, coordinati dalla Procura reggiana, per determinare le dinamiche che hanno portato a questo tragico epilogo.

 

Come detto, a Novellara continuano anche le ricerche del corpo di Saman Abbas, la 18enne di origini pakistane scomparsa nella notte tra il 30 aprile e l'1 maggio. Secondo gli investigatori la ragazza sarebbe stata uccisa dallo zio Danish, in quanto non voleva accettare la volontà della famiglia, che le aveva combinato un matrimonio con un cugino in Pakistan. Al momento ci sono cinque indagati per la sua scomparsa e il caso ha riacceso il dibattito politico e mediatico sull'integrazione, le usanze di alcune comunità di fede musulmana e i matrimoni combinati.