Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bimbo scomparso, "Nicola forse ha camminato per un chilometro". Le ipotesi e le indagini

  • a
  • a
  • a

Dove è finito Nicola Tanturli, il bimbo di 21 mesi scomparso nel nulla in Toscana, nel Mugello? Ricerche frenetiche di centinaia di persone, ore d'ansia: tante troppe dopo che per tutta la giornata di martedì 22 giugno la zona della provincia di Firenze di Palazzuolo sul Senio, è stata messa al setaccio. Ma come può essere successo?

 

 

 

 

Il bambino scomparso in Mugello si sarebbe allontanato di notte tra lunedì e martedì da solo dalla sua casa, mentre i genitori stavano accudendo il bestiame prima di andare a dormire, come facevano ogni sera nella loro azienda agricola. Questa una prima ipotesi dei carabinieri di Borgo San Lorenzo,  secondo quanto riportato dalla Nazione. Nicola è nato nel ettembre del 2019 ed è definito un bambino vivace.

"Il piccolo Nicola è un bambino molto attivo, vispo e potrebbe aver camminato per un chilometro. Era abituato ad uscire dalla casa, a vivere e giocare all’aria aperta", ha detto il sindaco di Palazzuolo sul Senio, Gian Piero Philip Moschetti. "La zona dove si sono concentrate le ricerche è estesa e impervia con boschi e fitta vegetazione. Continueremo a cercare il bimbo per tutta notte, non ci fermiamo", ha aggiunto parlando con l’Adnkronos, precisando che le ricerche andranno avanti per tutta la notte che vista la zona disabitata in cui è il suo casolare, era già abituato a uscire da solo e a muoversi con una certa libertà almeno nelle pertinenze della casa. Per questo al momento la pista più battuta è quella di un allontanamento del bambino stesso.

 

 

 

Secondo quanto si apprende dai genitori, che sono stati sentiti dai carabinieri nel casolare, il bambino è stato messo a letto dopo cena. Poi la mamma e il papà sono andati, come ogni sera, ad accudire alcuni animali prima della notte. Al ritorno a casa il bambino non sarebbe stato più nel letto. A quel punto sarebbe prima iniziata una ricerca in casa e nei dintorni, anche con l'aiuto di alcuni vicini. Poi sarebbero stati chiamati i carabinieri.  Al momento la pista dunque è che il bambino, uscito dal portone di casa, si sia smarrito nel buio.
Il bimbo vive con i genitori e un altro fratello. La zona dove sorge il casolare è isolata, raggiungibile solo attraverso una strada sterrata ed è circondata da boschi. Nella notte il primo sorvolo dell’elicottero dell’Aeronautica con termocamera ha avuto esito negativo.