Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, "Chi l'ha rapita? Ho un'idea". Piera Maggio rivela e si commuove in tv

  • a
  • a
  • a

Oggi Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, era in tv su Rai1 alla trasmissione del pomeriggio La vita in Diretta condotta da Alberto Matano. La mamma della piccola scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, un caso che la procura di Marsala ha riaperto dopo 17 anni, era in collegamento e si è commossa alla vista delle ricostruzioni televisive con foto e immagini della sua bimba scomparsa nel nulla. La piccola (oggi 20 anni) che Piera non ha mai smesso di cercare.

 

 

"Ho visto che ti sei commossa, immagino cosa significhi per due genitori (il padre naturale di Denise è Pietro Pulizzi)  assistere a tante segnalazioni e delusioni", sottolinea Matano. ."Vogliamo verità e giustizia per Denise", sottolinea Piera che nel corso del programma ha raccontato che amore di bambina era Denise.

"Una bambina molto spiritosa, buffetta, le piaceva dialogare con gli adulti", ha detto Piera Maggio in diretta tv. "Facevo dei discorsi completi con mia figlia, per l'età che aveva era molto matura. Era un amore, molto dolce", ha raccontato la mamma di Denise. Poi ha aggiunto: "Se mi vedeva qualche sbucciatura sulla mano, era la prima che prendeva l'alcol e mi medicava. Si faceva amare da tutti, tutti le volevano un gran bene".

 

 

Da qui si arriva ai sospetti sul sequestro della bambina. "Io un'idea. Chi ha rapito Denise è probabile che la conoscesse, sapeva del suo passato. La strada dove è stata rapita Denise non era una zona trafficata, chi veniva conosceva le famiglie che abitavano lì", ha argomentato. Poi si è rivolta a chi sa e fino ad ora non ha detto: "Ci sono delle persone che sanno e che hanno sentito dire da seconde e terze persone. Non abbiamo alcun dubbio. Quelle stesse persone a distanza di anni ancora non hanno collaborato del tutto, parlate prima che sia troppo tardi". Verità per Denise.

 

 


Matano commenta così: «Ho visto che ti sei commossa, immagino cosa significhi per due genitori assistenere a tante segnalazioni e delusioni». Conclude Piera Maggio: «Vogliamo verità e giustizia per Denise».