Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, "false dichiarazioni". Indagata l'ex pm Maria Angioni

  • a
  • a
  • a

Caso Denise Pipitone, l'indagine sulla bambina scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004 riaperta dopo 17 anni dalla procura di Marsala. L’ex pm titolare dell’indagine su Denise, avrebbe ricevuto un avviso di garanzia dai colleghi di Marsala, che ipotizzano il reato di “false dichiarazioni a pubblico ministero”.
La notizia è riferita da unionesarda.it che specifica come sotto la lente della Procura ci sarebbero le rivelazioni fatte nelle scorse settimane da Angioni al pm della città siciliana, che di recente ha deciso di riaprire l’inchiesta sul mistero della figlia di Piera Maggio e Pietro Pulizzi.

 

 


Angioni è apparsa in tv in diverse trasmissioni rilasciando sue versioni e valutazioni sul caso che aveva seguito quando era scoppiato. Oggi Maria Angioni è giudice del lavoro a Sassari, e avrebbe ricevuto un invito a comparire e sarebbe già stata ascoltata in Procura. Nel corso del colloquio, secondo la fonte,  Angioni non avrebbe ritrattato quanto detto in precedenza, confermando le sue dichiarazioni che ha rilasciato anche ai microfoni di alcuni trasmissioni tv, circa tentativi di depistaggio, connivenze e gravi falle nelle indagini sulla scomparsa della bimba. L'agenzia LaPresse specifica che dopo essere stata sentita nelle scorse settimane come testimone l’ex sostituto procuratore di Marsala Maria  Angioni, primo magistrato che indagò sulla scomparsa della piccola Denise, da ieri è indagata per false dichiarazioni dalla procura di Marsala.

 

 

Per i magistrati che hanno riaperto il caso della piccola Denise, i presunti tentativi di depistaggio, le connivenze e le falle nell’indagine sulla scomparsa della bambina non hanno trovato alcun riscontro e dunque l’ex pm, oggi giudice del lavoro a Sassari, è stato iscritto nel registro degli indagati. L’ex sostituto procuratore aveva infatti confermato ai magistrati di Marsala le accuse lanciate in diverse trasmissioni televisive. Accuse che nemmeno nell’interrogatorio di oggi come indagata l’ex pm ha negato.