Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, novità su Ghaleb e Francesca Adamo: giornalisti denunciati per violenza privata

  • a
  • a
  • a

Ancora il caso di Denise Pipitone in primo piano nella cronaca nazionale. La vicenda della bimba scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo continua a catturare l'attenzione dei media e non solo.

 

 

Lunedì 21 giugno ne parlerà Milo Infante nella sua Ore14, su Rai2, appunto, dalle 14. Ci sarà Piera Maggio, la madre di Denise, che approfondirà insieme al giornalista le figure di Gaspare Ghaleb, Francesca Adamo, la collega di Anna Corona che mette l'orario falso di uscita dal lavoro della stessa Anna e che dimentica per tanto tempo le visite delle figlie di Jessica e Alice all’una di mattina del 2 settembre 2004 (giorno della scomparsa di Denise) da via Pirandello 55. "Parleremo poi dei 10 mazaresi che hanno denunciato i giornalisti per violenza privata. Tra questi c’è anche l’aggressore del nostro inviato", ha affermato ancora Infante. 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Milo Infante (@miloinfante_official)

 

Solo una settimana fa intanto il legale della mamma di Denise aveva rivelato di avere ricevuto una lettera anonima al suo studio contenente "elementi nuovi che abbiamo in parte riscontrato". Adesso una copia di quella lettera è stata recapitata anche alla redazione della trasmissione condotta dalla Sciarelli (Chi l'ha visto?), che in questi anni non ha mai smesso di occuparsi del caso. L'anonimo, che parla delle fasi successive al sequestro, e fa riferimento anche ad alcuni testimoni oculari, sostiene di essere sicurissimo di quello che ho visto. L'episodio raccontato è un tassello che fornisce un elemento totalmente sconosciuto fino a poco tempo fa, fondamentale per risolvere il giallo. L’uomo avrebbe parlato di "persone".

 

 

L'avvocato di Piera Maggio ha detto che ci sono elementi di novità che dovrebbero scardinare il muro di omertà. Frazzitta ha dichiarato che non bisogna soltanto concentrarsi su Anna Corona e Jessica Pulizzi, perché ci sarebbero altre figure da prendere in considerazione della famiglia allargata: “La fotografia che ci ritorna vede una fase e ripeto in quel momento Denise è viva. Ci dice che ci sono altre persone che hanno visto. La fotografia non inquadra la Corona e la Pulizzi. Questo non vuol dire che nel quadro generale non ci potrebbero entrare”, ha sottolineato il legale. Un giallo che ancora pare lontano dalla svolta.