Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Michele Merlo, camera ardente a Bologna: c'è anche Emma Marrone. Venerdì i funerali a Rosà

  • a
  • a
  • a

Camera ardente al Pantheon della Certosa di Bologna per Michele Merlo, il cantante ed ex concorrente di Amici e X Factor morto il 6 giugno all’ospedale Maggiore di Bologna a causa di una emorragia cerebrale scatenata da una leucemia fulminante. A dare l’ultimo saluto al giovane, morto a 28 anni, i parenti e gli amici. Fra loro è arrivata anche Emma Marrone, sua coach nel talent di Maria De Filippi.

 

La salma di Merlo sarà esposta al Pantheon fino alle 16 di oggi pomeriggio, mercoledì 16 giugno, poi il feretro partirà per Rosà, in provincia di Vicenza, dove resterà esposto giovedì dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 18 e venerdì dalle 9 alle 11 presso l’Istituto Maria Ausiliatrice. I funerali saranno celebrati per motivi di sicurezza presso lo stadio comunale "Toni Zen" di Rosà, in via dei Fanti, venerdì 18 alle ore 17. Nei giorni scorsi I genitori di Merlo hanno ritenuto opportuno, "anche a seguito delle notizie riportate dalle agenzie di stampa, le quali danno evidenza di un’indagine interna chiesta dalla Ausl di Bologna circa quanto successo nei giorni e nelle ore precedenti al ricovero presso il reparto di Rianimazione dell’Ospedale Maggiore di Bologna, di chiedere alla magistratura di svolgere le necessarie indagini al fine di verificare se vi siano stati errori e/o omissioni antecedenti al ricovero al Maggiore che abbiano determinato irreversibilmente la sorte del proprio figlio".

 

La famiglia ha poi ringraziato "tutto il personale medico, paramedico e i dirigenti del reparto rianimazione dell’Ospedale Maggiore di Bologna per la professionalità e umanità dimostrata nelle terribili ore che hanno preceduto la morte del proprio figlio. Approfittano di questo comunicato anche per informare che la data delle esequie verrà comunicata solo dopo che l’autorità giudiziaria avrà deciso quali azioni intraprendere", concludeva la nota della famiglia inviata nei giorni scorsi agli organi di stampa.