Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ibiza, "sparatoria per gelosia, caccia all'uomo". Due feriti, uno grave: anche l'aggressore italiano

  • a
  • a
  • a

Caccia all'uomo a Ibiza. Anche lui è italiano, come i due feriti di una sparatoria. Sparatoria fra italiani residenti, durante una festa privata nella notte tra venerdì e sabato. Due gli uomini feriti, come accennato, mentre un terzo, sospettato di essere il responsabile, è ricercato su tutta l’isola dalle forze di polizia.

 

 

 

È successo nel municipio di Santa Eulalia, in una villa affittata per una festa. Secondo le ricostruzioni, all’origine della sparatoria avvenuta attorno alle 3 della notte sarebbe stata una lite motivata da gelosia.

I media locali parlano di un gruppo di uomini arrivato in auto, che ha aperto il fuoco sui partecipanti alla festa ed è poi fuggito. La polizia è stata chiamata sul posto attorno alle 2.50. Un uomo, ancora ricercato, avrebbe estratto un’arma e con il calcio della pistola avrebbe colpito alla testa un altro dei presenti, che è stato poi colpito da due spari, uno al volto e l’altro al ginocchio.

 

 

Il ferito sarebbe in gravi condizioni, ricoverato in terapia intensiva, ma non in pericolo di vita. I media locali parlano invece sei proiettili che l’avrebbero colpito: tre alla testa e tre alla gamba destra, che avrebbero fratturato il femore e lacerato l’arteria femorale, richiedendo un’operazione chirurgica di sei ore, anche per la ricostruzione facciale. I media hanno descritto l’uomo come un 28enne, arrivato attorno alle 4 dopo un arresto cardiaco e con le ferite d’arma da fuoco all’ospedale Nuestra Señora del Rosario. Periodico de Ibiza descrive l’altro italiano colpito dagli spari, ferito in modo lieve, come un 35enne. Dopo gli interrogatori dei testimoni, le ricerche del presunto aggressore proseguono su tutta l’isola, mentre porti e aeroporti sono stati posti sotto controllo. Dell’isola di Ibiza si è parlato in Italia di recente per un altro episodio di violenza, il presunto femminicidio di una 21enne italo-spagnola, che sarebbe stata gettata del quarto piano di un hotel dal compagno, un 26enne di origina marocchina, poi suicidatosi lanciandosi anch’egli nel vuoto.