Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Seid Visin, si è ucciso a 20 anni: "Sguardi schifati per il colore della mia pelle". La verità in questa lettera da brividi

  • a
  • a
  • a

Una verità sconvolgente. Una lettera da brividi. Si è tolto la vita nella sua casa, a Nocera Inferiore, nel Salernitano la giovane promessa del calcio Seid Visin, 20 anni, con un passato nelle giovanili del Milan. Il ragazzo era stato adottato da piccolo da una coppia della cittadina in provincia di Salerno.

 

 

In una lettera, resa pubblica dalla sua psicoterapeuta,Visin aveva denunciato il clima di razzismo che sentiva intorno: "Ovunque io vada, ovunque io sia, ovunque mi trovi sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti delle persone", scriveva nella lettera datata gennaio 2019. 
"Dinanzi a questo scenario socio-politico particolare che aleggia in Italia, io, in quanto persona nera, inevitabilmente mi sento chiamato in questione", scrive Seid Visin nella lettera, letta anche oggi, in occasione dei funerali nella chiesa di Nocera Inferiore.

"Io non sono un immigrato. Sono stato adottato quando ero piccolo. Prima di questo grande flusso migratorio ricordo con un pò di arroganza che tutti mi amavano. Ovunque fossi, ovunque andassi, ovunque mi trovassi, tutti si rivolgevano a me con grande gioia, rispetto e curiosità. Adesso, invece, questa atmosfera di pace idilliaca sembra così lontana; sembra che misticamente si sia capovolto tutto, sembra ai miei occhi piombato l’inverno con estrema irruenza e veemenza, senza preavviso, durante una giornata serena di primavera", riflette. Seid racconta di aver dovuto lasciare un lavoro perché "troppe persone, prevalentemente anziane, si rifiutavano di farsi servire da me e, come se non bastasse, come se non mi sentissi già a disagio, mi additavano anche la responsabilità del fatto che molti giovani italiani (bianchi) non trovassero lavoro".

 

 

Un’esperienza che ha cambiato Seid, "come se nella mia testa si fossero creati degli automatismi inconsci e per mezzo dei quali apparivo in pubblico, nella società diverso da quel che sono realmente; come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare alle persone, che non mi conoscevano, che ero come loro, che ero italiano, che ero bianco".

 Seid parla di "paura per l’odio che vedevo negli occhi della gente verso gli immigrati, la paura per il disprezzo che sentivo nella bocca della gente. Non voglio elemosinare commiserazione o pena, ma solo ricordare a me stesso che il disagio e la sofferenza che sto vivendo io sono una goccia d’acqua in confronto all’oceano di sofferenza che stanno vivendo quelle persone dalla spiccata e dalla vigorosa dignità, che preferiscono morire anziché condurre un’esistenza nella miseria e nell’inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e tanti l’hanno già persa, solo per annusare, per assaporare, per assaggiare il sapore di quella che noi chiamiamo semplicemente vita'."