Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, "traffici e incontri con la malavita, a Mazara hanno paura". Testimonianza choc su Claudio Corona

  • a
  • a
  • a

Denise Pipitone, Chi l'ha visto? in onda mercoledì 2 giugno su Rai3, ha dedicato un ampia pagina alla scomparsa della bimba di Mazara del vallo avvenuta il primo settembre 2004. Dopo 17 anni si è riaperta l'inchiesta per decisione della procura di Marsala. Nel corso della trasmissione di Federica Sciarelli, fra i servizi, è stato mostrato quello della testimonianza di un collaboratore di giustizia che dice di aver lavorato con Claudio Corona, fratello di Anna Corona ex moglie di Pietro Pulizzi padre naturale di Denise Pipitone. Ne viene fuori uno spaccato di Mazara che teme questa famiglia, con lo stesso Claudio Corona che sentito, smentisce.

 

 

"Ho lavorato con la famiglia Corona. Se qualcuno a Mazara volesse parlare sanno tutti dei suoi traffici di stupefacenti, frequentazione con personaggi malavitosi e a questi incontri c'ero anche io. In un vecchio casolare - dice il testimone -  all'interno si incontravano personaggi tipo Fabrizio Messina Denaro. Nomi vicini a organizzazioni mafiose. C'erano mitra, pistole, varie armi da taglio". Giuseppe (un nome di fantasia) parla di coperture e amicizie. "Io spesso lo accompagnavo in polizia e ci stava mezzora. Aveva in dotazione un apparecchio che segnalava se c'erano cimici, camminava continuamente con quell'affare in mano", dice il testimone.

 

 

Claudio Corona è stato arrestato nel 2012 e ha patteggiato a tre anni. "Jessica? Spesso si incontravano in strada. Erano molto legati, lui molto protettivo", dice Giuseppe a proposito del rapporto con la nipote (Jessica è stata accusata e assolta in maniera definita per il sequestro di Denise).

Claudio Corona, intervistato, è laconico e perentorio sulle accuse che gli vengono rivolte: "Tutte fesserie, nessuno deve avere paura della famiglia corona." Una notizia di Giuseppe sul fratello Giulio Corona: "Il fratello Giulio è stato ammazzato da un padre che aveva visto il figlio picchiato da lui in discoteca".