Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Incendi alle pinete, al vaglio l'ipotesi del dolo

(Foto generica)

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Incendi a ripetizione, c'è l'ombra dell'origine dolosa. Per i carabinieri forestali dell'Alta Valle del Tevere ci sarebbe una mano dietro alla serie di incendi che vanno dalla zona sud alla zona nord del territorio. La notte tra venerdì e sabato, dalle 1,30 alle 5, i vigili del fuoco del distaccamento di Città di Castello, sono stati allertati in quanto stava bruciando una pineta in zona Cagnano a Monte Santa Maria Tiberina. La fiamme hanno mangiato almeno un ettaro e mezzo di pineta. Non c'è alcuna certezza, ma la causa principale potrebbe essere dolosa. Sabato alle 14 altro allarme a San Pietro a Monte, frazione a sud del territorio di Città di Castello. Prima della frazione, in fiamme il greppo che costeggia la strada d'ingresso al paese. Intanto proseguono le indagini sull'altro incendio verificatosi tra mercoledì e giovedì notte, un'altra pineta al confine tra Vingone e Citerna. In questo caso le indagini dei carabinieri forestali potrebbero far emergere delle precise responsabilità.