Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, "non ho incontrato il testimone". Nuovo appello dell'avvocato Frazzitta: "Esci allo scoperto, serve la verità dopo 17 anni"

  • a
  • a
  • a

"Non si è fatto vivo con me". L'avvocato Giacomo Frazzitta nega di aver incontrato l'uomo che nelle scorse settimane ha inviato una lettera anonima raccontando ciò che ha visto pochi istanti dopo la scomparsa della piccola Denise Pipitone il 1 settembre 2004 a Mazara del Vallo. Nei giorni scorsi infatti era circolata l'indiscrezione che il legale di Piera Maggio, la mamma della piccola scomparsa, aveva incontrato l'uomo che ha deciso di raccontare quanto visto a distanza di 17 anni. Ma Frazzitta ha negato l'incontro durante il programma Storie Italiane che è andato in onda questa mattina, lunedì 31 maggio. "Io lo sto attendendo ancora, non è vero che l’ho incontrato, e comunque se l’avessi visto e lo direi sarebbe gravissimo. Io l’attendo l’anonimo ma se rimane tale vale zero. Parlate, venite in Procura, non bisogna più avere paura dopo 17 anni, basta". ha aggiunto l'avvocato.

 

 

Nella ormai nota lettera l'anonimo ha scritto: "Sono diciassette anni che so e sono serissimo, non ho parlato per paura. Mi trovavo a bordo della mia auto a Mazara del Vallo e sono stato affiancato da un'altra vettura. Ho guardato all'interno dell'abitacolo e ho visto Denise con altre tre persone. Ne sono assolutamente sicuro. Con lei c'erano tre uomini. La bambina piangeva e chiamava la mamma". Sarebbero state riconosciute anche delle persone. Ma senza una deposizione di persona tutto ha valore zero.

 

 

Vanno avanti intanto le indagini per fare luce su un mistero che va avanti da 17 anni. Le attenzioni degli investigatori per ora si sono concentrate su Anna Corona, ex moglie del padre naturale di Denise, e Giuseppe Della Chiave marito di un'amica di Anna Corona e nipote di Battista Della Chiave il testimone sordomuto deceduto che rivelò di aver  visto la bambina poco dopo la notizia della scomparsa. Le attenzioni degli investigatori si sono concentrate sulla casa dove abitava Anna Corona all'epoca della scomparsa della bambina.