Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'Arena, "ecco chi è la cantante che perseguitava". La rivelazione su Antonio Di Fazio

  • a
  • a
  • a

Nel corso della trasmissione Non è l'Arena, su La7, è uscito il nome della cantante della quale Antonio Di Fazio era ossessionato. Francesco Capozza, giornalista che era stato chiamato a una collaborazione, rivela a Massimo Giletti: "L'ho conosciuto come una persona cordiale, tranquilla, affabile.

 

Si vedeva che era un uomo facoltoso. Poi dopo qualche tempo mi ha chiamato e mi ha invitato a prendere un caffè a casa sua, E lui mi ha offerto di curare la sua comunicazione. Avevamo un accordo di 10 mila euro al mese per un anno. Io avevo una piccola società di comunicazione quindi un cliente del genere era un cliente importante. Mi ha pagato regolarmente per un piano di comunicazione e di marketing per le sue aziende che io mai ho visitato. La storia della cantautrice? Lui era ossessionato da questa donna e sapeva che io conoscevo questa persona e mi ha chiesto di accompagnarlo a questo concerto e mi ha chiesto di presentargliela . Si muoveva - continua - con una sorta di guardia del corpo che gli faceva largo fra la folla. Arrivava fin sotto il palco. Una settimana dopo ha portato un mazzo di rose rosse a un altro concerto ed è arrivato fino al camerino".

 

 

"E' Paola Turci?" gli chiede Massimo Giletti. "Lo ha detto lei", risponde il giornalista. "A parte la morbosità nei confronti di questa cantautrice non ho notato altri problemi con le donne", dice Capozza.

Antonio Di Fazio è il manager 50enne arrestato con l'accusa di aver narcotizzato e violentato una studentessa 21enne,  Durante la puntata di venerdì 28 maggio di Quarto Grado, la trasmissione condotta da Gianluigi Nuzzi su Rete 4, è stato rivelato che ci sono altri indagati nell'inchiesta. Si tratterebbe infatti di Fabrizio Brignolo – un collaboratore – e di Maria Di Fazio, la sorella del manager. La Procura di Milano sta indagando i due per favoreggiamento. E' stata perquisita l'abitazione del collaboratore, e sarebbero anche stati sequestrati i telefoni.