Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Raffaele Sollecito, omicidio Meredith. Sfogo sui social: "Basta parlare di concorso, dopo 15 anni sono stanco" | Video

  • a
  • a
  • a

Raffaele Sollecito torna a parlare dell'omicidio di Meredith Kercher avvenuto il 1 novembre del 2007 a Perugia e per il quale è stato indagato, condannato in primo grado e poi assolto. "Sono stanco dopo 15 anni di doverne parlare ancora", ha detto in un video che è stato pubblicato su i suoi canali social. Il filmato pubblicato su Youtube si intitola "Condanna in concorso è un’invenzione dei Media"e se la prende con chi ancora oggi contesta il fatto che l'unico a pagare sia stato Rudy Guede condannato per l'uccisione della studentesca inglese. Una delle tesi utilizzate da coloro che giudicano ingiusta l condanna del solo Guede è quella appunto che sarebbe stato condannato per un omicidio in concorso. 

 

 

"Sotto questo video metterò anche lo stralcio dell’articolo con cui Rudy Guede viene condannato" , spiega Sollecito aggiungendo che  "le pene, secondo la sentenza della Cassazione sono per omicidio con l'aggravante della violenza sessuale".  L'articolo 110 che è il concorso non c'è. "E' un'invenzione giornalistica fatta unicamente per gettare ombre su tutti e sul caso. Soprattutto per mettere delle ombre sulla mia assoluzione e su quella di Amanda Knox. Dicendo questa falsità colossale i giornalisti non hanno fatto in modo che Meredith potesse avere giustizia ma hanno semplicemente riempito le loro tasche mettendo ancora dubbi sull'innocenza mia e di Amanda".

 

 

Poi Sollecito conclude: "Sono stanco dopo 15 non voglio mettermi lì a combattere contro chi dice stupidaggini e falsita. Adesso metto la sentenza in pdf, metterò anche lo stralcio della condanna e perciò se mi accorgo di nuovo che ci sono giornalai che scrivono o che fanno intendere che Rudy Guede è stato condannato in concorso e che quindi bisogna scoprire il colpevole, mi verrò costretto a fare denuncia per diffamazione nei miei confronti. Queste ricostruzioni lasciano intendere infatti che io e Amanda Knox siamo stati assolti così, per fortuna, per caso. Cosa che è una stupidaggine colossale. Se sarò costretto a usare le vie legali lo farò".