Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Saman, "scavavano una buca". Indagati anche i due cugini della ragazza che ha rifiutato le nozze combinate

  • a
  • a
  • a

Salgono a 5 gli indagati per il presunto omicidio di Saman Abbas, la ragazza pakistana di 18 anni scomparsa nel nulla a inizio maggio dopo aver rifiutato le nozze combinate. La sua famiglia, che abitava a Novellara (Reggio Emilia), è misteriosamente e improvvisamente partita dall'Italia negli stessi giorni. Come noto gli inquirenti temono il peggio, ossia che la ragazza sia stata uccisa. Sono indagati i genitori, uno zio e, novità delle ultime ore, secondo quanto riferito da Il Fatto Quotidiano, anche due cugini della giovane. Sono stati tutti ripresi intorno all'abitazione della famiglia con degli attrezzi utili per occultare, eventualmente il cadavere.

 

I due cugini sono stati ripresi da alcune telecamere la sera precedente all'ultimo avvistamento della giovane mentre uscivano da un capannone con attrezzi utili per preparare una buca.  Nel filmato registrato dalle telecamere di sorveglianza si vedono tre persone con pale e un secchio, un sacchetto azzurro e un piede di porco uscire dal retro dell'abitazione dove viveva la giovane, tra Reggiolo e Novellara, e andare verso i campi. Sono stati via tra le 19 e le 21.50. La famiglia sarebbe rientrata in Pakistan, ma sui voli non c'era Saman. Questa mattina, sabato 29 maggio, le operazioni di ricerca si concentreranno nell'area dietro al capannone dove sono usciti gli uomini con l'ispezione di serre, pozzi e canali.

 

La ragazza si era allontanata dalla famiglia a dicembre dopo che aveva rifiutato di tornare in Pakistan per delle nozze combinate con un cugino. Era stata dunque seguita dai servizi sociali del comune di Novellara e affidata a una struttura protetta dove nel frattempo è diventata maggiorenne. Ad aprile ha deciso di lasciare la struttura ed è tornata a casa. Ma da inizio maggio non si hanno sue notizie. I suoi familiari sono tornati in Pakistan con un volo da Malpensa. Inizialmente l'ipotesi era quella che fosse stata costretta a tornare nel suo Paese d'origine. Ma dopo che gli inquirenti hanno appurato l'assenza del nome di Saman nelle liste passeggeri l'ipotesi che ha preso piedi è quella dell'omicidio. Ora si cerca principalmente il corpo.