Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quarto Grado, Denise Pipitone. I sospetti di Piero Pulizzi e della sorella di Piera Maggio. L'intercettazione

  • a
  • a
  • a

Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise Pipitone, aveva sospetti nell'area della cerchia familiare fin dalle prime successive alla scomparsa della bambina a Mazara del Vallo il 1 settembre del 2004. La trasmissione Quarto Grado che nella serata di venerdì 28 maggio si è occupata ampiamente del caso ha trasmesso un'intercettazione registrata con una cimice ambientale il 5 gennaio 2005 all'interno dell'erboristeria gestita da Giacoma Maggio, sorella di Piera Maggio, la madre della piccola. Le cimici captano una conversazione tra la titolare e Piero Pulizzi.

 

 

I due parlano della scomparsa della bambina e si scambiano delle opinioni sugli eventuali sospetti. Fanno tre nomi. Quello di Toni Pipitone, ossia l'uomo che ha cresciuto la bambina credendosi il padre, l'ex marito di Giacoma e Anna Corana. Successivamente il primo nome venne scartato. Le altre due persone, invece, secondo i due che parlano, avevano tutti i motivi per farla pagare a Piera Maggio. Anna Corona per aver scoperto la vera paternità di Denise, nonostante Piero Pulizzi avesse negato più volte il fatto. Il marito della sorella di Piera Maggio perché indicava la mamma di Denise come la responsabile della fine del suo matrimonio.

 

 

Durante la puntata si è tornati anche sulla telefonata di 18 secondi che c'è stata, secondo i tabulati, alle 12.10 del 1 settembre tra Anna Corona e la moglie di Giuseppe Della Chiave. Nei tabulati emerge anche una telefonata più lunga di 5 minuti e 55 secondi intercorsa poche ore prima tra le due donne. Telefonate che durante la fase della prima indagine e dei processi a carico di Jessica Pulizzi non hanno portato ad accertare eventuali responsabilità. Durante la puntata è stato mandato in onda ancora una volta il video della bambina, Danas, ripresa da un vigilantes a Milano il 18 ottobre 2004 insieme a una rom. I video girati erano tre. "C'è un'alta probabilità che era Denise", ha detto l'ex pm Angioni.