Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uscita dal coma la donna trovata ferita accanto al marito ucciso. Arrestato il figlio

  • a
  • a
  • a

E' uscita dal coma la 54enne Sabrina Guidetti. La donna era stata trovata priva di sensi, con i polsi feriti e narcotizzata lo scorso 24 aprile. Una drammatica scoperta a San Martino in Rio, in provincia di Reggio Emilia. Accanto a lei c'era il cadavere del marito, Paolo Eletti, 58 anni, che era stato ucciso a colpi di martello in testa. Per l'assassinio dell'uomo e il tentato omicidio di lei, è stato arrestato il figlio della coppia, Marco Eletti, 33 anni, attualmente in carcere a Modena. Secondo gli inquirenti avrebbe ucciso il padre, ferito e narcotizzato la mamma per inscenare un omicidio-suicidio. Le condizioni della donna ora sono migliorate nettamente. La notizia del risveglio è stata ufficializzata dai sanitari.

Coordinati dal pm Piera Cristina Giannusa, i carabinieri stanno continuando ad indagare. Ovviamente sperano di interrogare a breve Guidetti per cercare di avere conferme della loro ricostruzione di quanto accaduto e capire con esattezza come sono andate le cose. Lei è ricoverata al Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Ovviamente gli inquirenti dovranno comprendere quando potrà sostenere l'interrogatorio e la speranza è che ricordi bene quanto accaduto quel giorno. "E' orientata e in netto miglioramento - informa la Direzione dell'azienda Usl Irccs di Reggio Emilia - La paziente è stata trasferita in altro reparto e non è più in prognosi riservata". Quindi si è salvata la vita. 

Marco Eletti è accusato di omicidio con le aggravanti della premeditazione, dei futili motivi e avvalendosi di mezzi insidiosi, nei confronti del padre Paolo, ucciso a martellate in testa. Ed avrebbe cercato di uccidere anche la mamma, che, come spiegato, fu trovata poco distante dal marito, su un divano, con i polsi feriti, incosciente. Gli inquirenti, dunque, sono convinti che il figlio abbia cercato di inscenare un omicidio-suicidio, quando invece sia stato lui a colpire i suoi genitori.