Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, Piera Maggio e i video porno con la sorella: "Fango sulla mamma della bimba scomparsa, ecco la verità"

  • a
  • a
  • a

Quello di Denise Pipitone è un caso che si è riaperto e sul quale si cerca di far luce eliminando le tantissime zone d'ombra che in questi 17 anni dalla scompasa della bimba da Mazara del Vallo, sono emerse nelle indagini. E non solo.

 

 

Una delle vicende più inquietanti è quella relativa ai tentativi di infangare il nome di Piera Maggio, madre di Denise, e della sua famiglia. Nel corso delle indagini, infatti, quando scomparve la piccola il primo settembre 2004 da Mazara del Vallo, emerse anche un elemento, presunto, che portava a un video porno che avrebbe visto come protagonista Piera insieme alla sorella.

Cattiverie, illazioni, senza riscontro alcuno. Il maresciallo dei Carabinieri, Francesco Lombardo al programma di Rai3, Chi l'ha Visto? condotto da Federica Sciarelli, ieri sera mercoledì 19 maggio, ha fatto luce anche su questa vicenda e sulle menzogne attorno a Piera. E anche sul fine, molto chiaro, di quelle voci.

 

 

"Abbiamo accertato passaggi di esposti anonimi che arrivavano contro la famiglia, contro Piera Maggio, tutti rilevati infondati, anche di basso valore morale. Sminuivano la famiglia e Piera Maggio in particolare. Abbiamo però smentito tutte le illazioni sulla famiglia e quando Piera dice che è stata rivoltata come un calzino è vero. Non c'era nulla, anche i film pornografici, erano attori di Roma che sono stati camuffati", dice in tv. Il riferimento è alla pista di una cassetta in cui Piera e la sorella sarebbero state protagonista di un video a luci rosse: "Non c'era nulla, assolutamente. Era un discredito, fatto forse per dire che erano stati loro gli autori della sparizione. Forse chi aveva preso la bambina aveva interesse di spostare l'asse delle indagini su un'altra pista", conclude il maresciallo che dà così un ulteriore spartito della complessità delle indagini, delle difficoltà ad individuare la strada giusta.