Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone: "L'ha portata via l'uomo con i baffi". Rivelazione choc a Chi l'ha visto?

  • a
  • a
  • a

Denise Pipitone sarebbe stata un po' di tempo in un magazzino di via Rieti a Mazara del Vallo prima di essere prelevata da "un uomo con i baffi" e portata via su una barca a remi. Nuove rivelazioni durante la puntata di Chi l'ha Visto? in onda su Rai 3 mercoledì 19 maggio. Secondo quanto rivelato Battista Della Chiave - il testimone sordomuto deceduto che aveva rilasciato testimonianze sul caso -  lavorava saltuariamente lì. Durante la trasmissione è stato mostrato un documento che rende plausibile il fatto che l'uomo potesse essere lì al tempo della scomparsa della bambina il 1 settembre 2004. Si parla di un'unica linea telefonica con due apparecchi uno dei quali sembra essere quello descritto dal testimone posizionato nel magazzino. 

 

 

Già dalla scorsa settimana la trasmissione, con l'ausilio di interpreti della lingua dei segni hanno passato al setaccio i filmati della testimonianza dell'uomo. L'uomo fa un nome: Giuseppe. Quando gli viene mostrata la foto di Denise riconosce la bambina che giocava intorno a lui in quel magazzino. "Pep telefonava, poi qualcuno l'ha presa e l'ha portata via". "Uno coi baffi e i capelli ricci l'ha portata via in scooter o bicicletta". Poi la bambina sarebbe stata portata nei pressi di un cavalcavia. La moto sarebbe stata gettata in acqua e la piccola portata via, sotto coperta, con una barca a remi.

 

 

"Ho visto tutto", dice l'uomo secondo le interpretazioni degli esperti interrogati da Chi l'ha Visto? La trasmissione ha individuato due posti compatibili con la testimonianza. Un ponte a poche centinaia di metri dal magazzino di via Rieti e un cavalcavia in un canale dove, effettivamente, sono posizionate anche oggi diverse barche a remi. Il canale porta al porticciolo di Mazara. Della chiave, sentito durante le indagini, ricorre in varie fasi dell'inchiesta. Oggi è deceduto e all'epoca dell'incidente probatorio si avvalse della facoltà di non rispondere.