Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Toscana, altro errore nella somministrazione del vaccino: 4 dosi invece di una a Livorno

  • a
  • a
  • a

Altro errore in Toscana nella somministrazione del vaccino. Il caso di sovradosaggio del vaccino nei confronti di una donna si è verificato nell'hub livornese al Palamodigliani.

Il Tirreno, spiega che la paziente sta bene ma l'Asl ha avviato una indagine interna per capire cosa è successo. Un caso analogo si era verificato nei giorni scorsi a Massa quando ad una giovane tirocinante erano state iniettate per errore 4 dosi di Pfizer.

 

 

Una donna di 67 anni, come spiegato durante un punto stampa che si è tenuto all’Hub vaccinale PalaModì, "ha ricevuto 0,30 ml di vaccino Pfizer interamente, senza essere diluito. Una quantità pari a 4 dosi di vaccino", ha spiegato Laura Brizzi, responsabile della Zona-Distretto livornese. È successo ieri pomeriggio lunedì 17 maggio. "La signora - ha spiegato Brizzi - è stata subito presa in carico dalla struttura e dal referente medico e infermieristico, è stata tenuta in osservazione per un’ora e non ha avuto particolari malori. Ma tanto spavento, che ha determinato un pochino di ansia. Abbiamo suggerito alla signora di fare degli accertamenti, se lo ritenesse opportuno, e di stare in osservazione e l’abbiamo fatta ricoverare comunque in pronto soccorso, dove è stata per il pomeriggio e nella notte. Attualmente si trova lì, in attesa dei risultati di alcuni accertamenti che sono stati fatti. Comunque sta bene".

 

 

"Ancora un caso di sovradosaggio di vaccino Pfizer in Toscana, dove una donna avrebbe ricevuto 4 dosi di vaccino anziché una presso l’hub vaccinale di 
Livorno al Modigliani Forum. Si tratta del secondo errore nella somministrazioni di vaccini registrato in meno di 10 giorni in Toscana, e che dimostra come qualcosa in regione non funzioni. Capiamo la mole di lavoro cui sono sottoposti medici e infermieri addetti alle vaccinazioni, ma errori di questo tipo mettono a rischio la salute dei cittadini e non possono essere considerati semplici casualità». Lo afferma in una nota il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. Per tale motivo il Codacons, dopo il caso di Massa del 9 maggio scorso, annuncia un nuovo esposto, stavolta alla Procura della Repubblica di 
Livorno
, affinché sia aperta una indagine sul caso alla luce della possibile fattispecie di lesioni gravi, accertando al contempo le responsabilità di Asl e Regione Toscana.