Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Corciano, tragedia dopo lo scontro tra due auto. Morta bimba di 4 anni, la madre è grave: Feriti anche due ventenni | Foto

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Dramma a Corciano nel tardo pomeriggio di lunedì 17 maggio intorno alle 17. Priscilla Brugnami  è morta in un drammatico incidente sulla provinciale 172 di Migiana. Aveva 4 anni. Ferita in modo grave anche la mamma, Giovanna Di Grazia, che si trovava al volante della Punto grigia rimasta schiacciata a seguito dell’impatto, trasferita d’urgenza al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia in codice rosso. Nell’altra auto coinvolta, una Skoda Fabia, in quello che appare come un frontale, due ventenni perugini anche loro trasportati in ospedale in codice giallo.

 

“E’ una tragedia, non ci sono parole”. Il sindaco di Corciano, Cristian Betti, non riesce neppure a parlare. E’ sul posto. Arrivano altri residenti, la voce è corsa veloce: tutti si stringono intorno a papà Gianluca e all’altro figlio adolescente, Ettore, che non si dà pace, che non smette di piangere. Nella tragedia che non ha senso tutto accade in un attimo. Il primo a trovarsi davanti a una scena agghiacciante, subito dopo una curva coperta tra la campagna umbra, è un vigile del fuoco: fa di tutto per salvare la piccola. Ma è troppo tardi. Poco dopo quando cominciano ad essere le 19 di sera arrivano i vigili del fuoco, tre ambulanze e la polizia locale che chiude ogni accesso alla strada provinciale. Sul posto anche il medico legale, Sergio Scalise Pantuso e il magistrato Tullio Cicoria. 

 

Mamma Giovanna non sa ancora che non rivedrà Priscilla. Nella sua pagina Facebook oltre agli scatti legati alla professione di parrucchiera tante foto di famiglia, l’ultima per la festa del papà. Tutti assieme.  Ora sua figlia è con nonno Carlo. Fu un amato campione del ciclismo negli anni Sessanta. E anche per ricordare quel nonno che aveva fatto un pezzo di storia dello sport, domani Priscilla sarebbe stata in prima fila, ad aspettare l’arrivo del Giro. E non vedeva l’ora.