Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, "nella lettera un fatto mai analizzato". Nuova pista per le indagini

  • a
  • a
  • a

Nuova pista per risolvere il caso Denise Pipitone. Comunque "un nuovo dato mai analizzato". La rivelazione la fa l'avvocato di Piera Maggio, madre della bambina scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2021 che ha ricevuto mercoledì scorso a studio una lettera anonima della quale ha dato conto (non nei contenuti) nel corso del programma televisivo Chi l'ha visto? su Rai3

 

 

 

Oggi, il sito livesicilia , ha pubblicato una interessante intervista proprio all'avvocato Giacomo Frazzitta. A proposito della lettera gli viene chiesto se il contesto è quello familiare al centro del processo già celebrato e di cui si è tornato a parlare di recente.
“Mi consenta di dire una cosa. Sento parlare continuamente di Jessica Pulizzi. Allora è stato doveroso analizzare tutto ciò che girava attorno a questa figura. È stato fatta un’indagine e celebrato un processo, ma oggi non credo sia corretto continuare a discutere di una persona assolta con sentenza definitiva e tirarla in ballo di continuo”.
Poi su Anna Corona: “Si tratta di una posizione diversa. La signora Corona fu indagata per sequestro di persona e omicidio. L’inchiesta, che fu archiviata, era legata alle dichiarazioni di Giuseppe D’Assero che disse di avere chiesto aiuto a Gianni Melluso per fare scomparire Denise Pipitone e in cambio sarebbe stato aiutato a fare la stessa cosa con Sabine Maccarrone. Dichiarazioni inverosimili (leggi qui la storia di quel processo)”.

 

 


E oggi nella missiva si fa riferimento ad Anna Corona?
“Mettiamola cosi. Io per il fatto che viene descritto nella lettera che ho ricevuto lascerei in pace Jessica Pilzzi, Anna Corona e tutti gli altri”.
Per concentrarsi su cosa? Mi perdoni se insisto (chiede l'autore dell'intervista)
“Mi perdoni lei se continuo a non volerle rispondere. L’anonimo, che ringrazio pubblicamente, racconta un fatto nuovo, molto importante, e in un momento topico”.
“Il contesto è quello vecchio di Mazara del Vallo, non si parla di un evento negativo o di un luogo dove cercare Denise. E neppure si parla di nomadi, altro tema che viene tirato spesso in ballo. Il racconto del testimone ci ha fatto concentrare su un dato finora mai analizzato. E lo abbiamo riscontrato”.

Vedremo adesso gli sviluppi, l'impressione è che qualcosa si sta muovendo.