Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccini, "beve 7 litri di acqua al giorno ed è disidratata". Ragazza che ha ricevuto 4 dosi in cura da Pregliasco

  • a
  • a
  • a

A una studentessa toscana sono state inoculate quattro dosi di vaccino Pfizer anziché una. La giovane Virginia ha 23 anni, è studentessa all’Università di Pisa e laureata alla triennale in Psicologia clinica. La ragazza è attualmente in cura dal virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’Università di Milano e direttore dell’Irccs sempre nel capoluogo lombardo.

 

 

 

Il Corriere della Sera, spiega che la ragazza beve sette litri di acqua al giorno ma continua ad essere disidratata: dovranno essere medici ed esperti a spiegare se sia una reazione dovuta alle troppe dosi di vaccino somministrate insieme. E c’è un paradosso: secondo gli esperti la dose eccessiva di farmaco potrebbe aver annullato la produzione di anticorpi. In altre parole, c’è il rischio che la 23enne debba rifare il vaccino.

LaPresse ha sentito il virologo Fabrizio Pregliasco, dell’Università Statale di Milano, che ha in cura la 23enne di Massa Carrara alla quale sono state iniettate per errore 4  dosi di  vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech, domenica 9 maggio.

 

 

 

"È ancora un pò presto, ho solo avuto modo di sentire la madre, ho avuto un primo contatto ma avremo maggiori indicazioni un pò più avanti. Adesso è fondamentale un monitoraggio per garantire serenità alla ragazza. Devono passare dei giorni, la speranza è che non ci siano reazioni pesanti, ma siamo ottimisti. Anche in Germania è successa una cosa simile in una casa di riposo con 8 soggetti e non hanno avuto particolari effetti", ha affermato Fabrizio Pregliasco.

All'agenzia LaPresse, Pregliasco ha detto che "Non c’è un rischio molto alto da sovradosaggio e l'’aver ricevuto più dosi del vaccino dovrebbe dare solo effetti collaterali un pò più intensi. La mamma mi ha parlato di una particolare disidratazione, è vero. Ma in letteratura non risultano segnalazioni di situazioni particolarmente preoccupanti. Sarebbe sorprendente il contrario. Ci sarebbe un rapporto terapeutico strano".