Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, lo scienziato Silvestri: "Funzionano tutti, vanno somministrati. Lavoriamo su quello per l'Aids"

  • a
  • a
  • a

I vaccini anti Covid funzionano tutti e vanno somministrate il più rapidamente possibile. A sostenerlo con forza e con decisione, è il professore Guido Silvestri, immunologo e virologo, marchigiano, direttore del Dipartimento di Patologia generale e medicina di laboratorio alla Emory University di Atlanta (Georgia, negli Stati Uniti). Gli è stata assegnata l'onorificenza del Picchio d'Oro, che nelle Marche viene donata a chi si distingue in Italia o all'estero per la sua attività. Silvestri è cresciuto a Senigallia prima di spostarsi negli Stati Uniti dove è considerato uno dei punti di riferimento nel campo dell'immunologia. A margine della premiazione, Silvestri non ha lasciato alcun dubbio: "I vaccini attuali funzionano, vanno somministrati tutti e rapidamente. Si sta già lavorando su vaccini di nuova versione, capaci di coprire più varianti del Covid".

Al governatore della Regione Marche, Francesco Acquaroli, Silvestri ha ammesso di avvertire in Italia "un clima molto ansioso. Non è possibile stabilire quando si raggiungerà l'immunità di gregge. Dipende da quanti si vaccineranno. La scienza ha fatto la sua parte, i vaccini attuali funzionano e vanno somministrati tutti e rapidamente. Ora si sta lavorando sui vaccini di nuova versione". Ma Silvestri ha spiegato anche che la comunità scientifica è impegnata "nella grande sfida all'Adis" e anche per quella patologia "il vaccino è la grande speranza". 

I dati - Secondo il portale del ministero della Salute, fino ad oggi (giovedì 13 maggio, ore 12) sono state somministrate in Italia 25 milioni 431.022 dosi di vaccino anti Covid. Naturalmente continuano ad aumentare anche i cittadini che hanno completato il ciclo e a cui è stata quindi inoculata anche la seconda dose: sette milioni 892.785. Al momento all'Italia sono state consegnate complessivamente 29 milioni 559.660 farmaci. La classifica delle regioni che hanno somministrato la percentuale più alta di dosi ricevute, è guidata da Liguria e Puglia: 90.4%. Al terzo posto il Veneto con il 90%.