Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 198 morti e 5.080 nuovi casi. Numeri così bassi mancavano da ottobre. Il bollettino

  • a
  • a
  • a

Poco più di 5mila nuovi casi e 198 vittime. Sono i numeri principali del bollettino ufficiale sulla pandemia diffuso nella giornata di oggi, lunedì 10 maggio dal ministero della Salute. Numeri che complessivamente non erano così bassi dal mese di ottobre e che quindi confermano un andamento positivo, grazie anche alla campagna di vaccinazione che in questa fase è diventata più veloce e che quindi sta aiutando a cercare di contenere il virus. Nella giornata di domenica 9 maggio i contagi ufficiali erano stati 8.292, mentre i decessi 139. Il totale dei contagiati ufficiali arriva quindi a 4 milioni 116.287, mentre il numero delle vittime a 123.031. Sono state ufficializzate 15.063 guarigioni che fanno salire il dato complessivo a 3 milioni 619.586.

Diminuiscono ulteriormente gli attualmente positivi che scendono di 10.184 e diventano quindi 373.670. Il valore continua a diminuire dal sei aprile (unica eccezione 2 maggio). I tamponi analizzati sono stati soltanto 130mila e il tasso di positività è del 3.9%, leggermente superiore a quello delle 24 ore precedenti che era del 3.7%. Il dato delle nuove infezioni è il più basso dal periodo di ottobre 2020. La differenza è che in quella fase la curva era nettamente in salita, visto che si trattava dell'inizio della seconda ondata, mentre attualmente è in discesa. Come noto i numeri del lunedì sono sempre poco significativi (considerato che il giorno prima è festivo), ma il tasso di positività rispetto a sette giorni prima è notevolmente inferiore.

Il 3 maggio era stato del 4.9, oggi è sceso di un punto e da una settimana è sotto al 4%. Va inoltre sottolineato che nel mese di maggio le vittime sono state meno di duecento in tre giorni. Tutti dati positivi? Non completamente. Sono leggermente aumentati i pazienti dei reparti ordinari Covid: 7 in più rispetto al giorno precedente (ieri -379), per un totale di 15.427 ricoverati. Sono però diminuiti i posti letto occupati nelle terapie intensive: 34 in meno (ieri -19). I malati gravi sono 2.158 e i nuovi ingressi in rianimazione sono stati ottanta (ieri 103).